Pozzuoli: Pulizia straordinaria per il molo Caligoliano in attesa dei crocieristi

Pozzuoli: operazioni di pulizia straordinaria mettono a nuovo il Molo Caligoliano e, dopo i festeggiamenti del ferragosto, la città si prepara ad accogliere i crocieristi.

Maria Angela Russo

 Erano in duemila, tutti col naso all’insù, ad acclamare i quattordici partecipanti alla tradizionale gara del “palo di sapone” della Madonna Assunta. Il molo, la banchina, le imbarcazioni private gremiti di cittadini e turisti in festa per il ferragosto puteolano.

Eppure, appena ventiquattr’ore prima, quegli stessi luoghi sembravano una discarica a cielo aperto: ferro, telai, cavi d’acciaio, tubolari, scale, attrezzature da pesca, un parabordo e perfino uno pneumatico. Tutti rifiuti estratti dal mare durante un’intensa operazione di pulizia del Molo Caligoliano avviata dalla Capitaneria di Porto di Pozzuoli su richiesta del Comune.

L’area – già giudicata a rischio durante un sopralluogo di qualche mese fa – è stata sottoposta a un intervento di manutenzione seguito dal sommozzatore Biagio Perreca, con l’ausilio di un’autogru dell’impresa “Futura srl”, di mezzi e operai della “De Vizia”, per lo smaltimento dei rifiuti speciali, e della “Chiarofer”, per la rimozione dei residui ferrosi. All’operazione, coordinata dal comandante della Guardia Costiera Andrea Pellegrino con il primo maresciallo Enrico Alborino, hanno assistito l’assessore all’ambiente Franco Cammino e i consiglieri comunali Antonio Di Bonito e Vincenzo Bifulco.

Il duro lavoro di squadra, durato quattro ore, si è concluso con lo smistamento del materiale depositato sulla banchina attraverso l’attribuzione di specifici codici, cui è seguita la pulizia del suolo da parte dei mezzi comunali.

Quella del Molo Caligoliano, però, non è stata l’unica porzione di mare sottoposta a grandi pulizie. A distanza di qualche ora, il fondale della cosiddetta “darsena dei pescatori” è stato rimesso a nuovo dal personale subacqueo volontario del gruppo Sant’Erasmo e dall’associazione di polizia ecozoofila “Anpana-Oepa”.

Tutti interventi – si potrebbe dire – propedeutici a fare di Pozzuoli una vera “città del mare”, soprattutto in vista della creazione, presso il porto flegreo, di un polo crocieristico nel quale il prossimo 15 settembre dovrebbe attraccare, tortuosità burocratiche permettendo, la prima nave da crociera, della compagnia triestina Cosulich, con quattrocento passeggeri tedeschi e russi provenienti da Capri e diretti a Civitavecchia. Le prime mosse di un evento importante, dunque; una concreta prospettiva di crescita per tutta la città.