BACOLI, ARRESTI DOMICILIARI PER 30ENNE DEL POSTO

Con un falso profilo Facebook, fingeva di essere una donna e induceva ragazze minorenni a esibirsi in webcam in atti osceni. Nel caso non lo avessero fatto, le minacciava di pubblicare le loro immagini su internet.

Si tratta di un bacolese di 30 anni, che fu denunciato nel 2009 da un suo concittadino, dopo che la figlia e la nipote gli avevano descritto quanto subìto. Da allora partirono le indagini, da cui emergono ulteriori reati della stessa natura da parte del trentenne, che nel frattempo si era trasferito a Pontecagnano.

Da stamattina è gli arresti domiciliari nella sua casa di Bacoli sorvegliato dai carabinieri, isolato senza collegamenti telefonici e internet.
Pasquale Massa

Top