POZZUOLI – SI RINNOVA L’APPUNTAMENTO CON IL TRADIZIONALE PALO DI SAPONE

Da oltre cento anni, ogni Ferragosto, si rinnova a Pozzuoli il tradizionale Palo di Sapone, la gara che vede sfidarsi pescatori e marinai per la conquista di alcune bandierine fissate su un palo di sapone. Di Carol Simeoli.

15 agosto, è festa, mare, musica e tanta buona cucina. Il Ferragosto è una festa popolare, coincidente con la festa religiosa che celebra l’Assunzione di Maria, celebrata in ogni regione italiana, ciascuna con le proprie tradizioni e i propri piatti tipici.
E Pozzuoli non è da meno con il suo “Palo di sapone”, o pennone com’è nel dialetto puteolano, che, cent’anni alle spalle, si tiene ogni 15 agosto sul molo Caligoliano. Il Palo di sapone è organizzato ogni anno dall’associazione dei pescatori puteolani e consiste nella corsa per la conquista di alcune bandierine fissate su un palo ricoperto di sapone e rivolto verso il mare.
Si tratta di una manifestazione che ha sempre visto una grande partecipazione popolare vista anche la partecipazione di pescatori, marinai e pubblico bacolese. Quest’anno, tuttavia, la celebrazione si è aperta con un minuto di silenzio in memoria di Antonio Emanato e Lara Scaramella l’insegnante di sub e l’allieva morti durante un’immersione tra le isole di Ischia e Procida. I partecipanti hanno anche indossato una fascia nera al braccio in segno di lutto.
Il “Pennone a mare” è un’importantissima ed antichissima tradizione che ogni anno porta nel centro storico di Pozzuoli un altissimo numero di cittadini provenienti anche dalle periferie con lo scopo di riscoprire le proprie radici.

Top