QUARTO, MASSIMO GIARRUSSO NON RITIRA LE DIMISSIONI

Scaduti i 20 giorni dalla ratifica in consiglio comunale, il Sindaco di Quarto, Massimo Carandente Giarrusso, come ampiamente previsto, non ha ritirato le proprie dimissioni che diventano perciò esecutive dalla mezzanotte del 31 luglio.
“Ringrazio tutti: dipendenti comunali, forze dell’ordine, le Aquile, l’intera forania di Quarto e tutte le realtà che in questi 14 mesi hanno dato una fattiva collaborazione nell’amministrazione della città di Quarto”- ha scritto in una nota indirizzata alla comunità il Sindaco dimissionario.
“Quando sono stato eletto, eravamo nel pieno di una tempesta giudiziaria senza precedenti, continua Giarrusso, ma nonostante ciò la mia coalizione ha potuto godere di una maggioranza schiacciante: l’intera città richiedeva una rottura col passato che con enorme sforzo stavamo portando avanti. Sono stati mesi intensi, ricchi di prove che avrebbero abbattuto chiunque, ma voi cittadini mi avete sempre dato la forza di combattere ed andare avanti; il vostro sostegno, afferma l’oramai ex primo cittadino, è stato decisivo quando occorreva mostrare compattezza agli occhi degli enti sovracomunali. Di fronte a certe problematiche, però, occorreva anche assumere atti di responsabilità che spazzassero via il campo da ogni tipo di sospetto e che consentissero a chi di dovere, di fare il proprio lavoro senza intralci di sorta. Le mie dimissioni sono state proprio una risposta a questa necessità: il Sindaco Giarrusso, nonostante non fosse indagato, si è dimesso solo ed esclusivamente per lasciare ancora maggiore spazio alla Magistratura di fare il proprio corso, confermando l’enorme rispetto e fiducia riposta nei magistrati”.

Questo è quanto ha scritto alla città l’oramai ex sindaco di Quarto, che ascoltiamo nella prossima intervista…

httpv://www.youtube.com/watch?v=U9nKRLogaPg

8 Comments

  1. corvo said:

    Storia finita,ricominciano già i balletti.Giarrusso fa come DI pietro,che appese la toga di magistrato al chiodo,senza spiegare niente a nessuno.Si arrampoca sugli specchi,parla al plurale,dimenticando che ha sempre fatto tutto da solo,non dimenticando mai di fare il contrario di quello che solennemente affermava.Riguardatevi le dichiarazioni su Quarto Magazine sulle alleanze,chiedete ai suoi consiglieri di maggioranza se ricordano il Giarrusso che chiedeva loro di non prendere nemmeno il caffè con i Verdi e che se Lui avesse avuto bisogno del voto dei Verdi si sarebbe immediatamente dimesso,chiedetegli perchè si è circondato di persone non sempre all’altezza dei loro compiti.ha avuto una maggioranza che gkli ha dato carta bianca dall’inizio,che gli ha consentito di fare e disfare a proprio piacimento,e non poteva finire diversamente,tranne i consiglieri che da oggi non solo più tali,a nessuno importa che se ne è andato a casa.Il Pdl è destinato a sparire,un partito che non si preoccupa di una sede che ha espresso ben sette consiglieri,che anzi lo ha lasciato allo sbando.Un sindaco che ha buttato a mare quando programmato dalla precedente amministrazione,vedi fallimento dell’ers e sue motivazioni,non poteva che dimissionarsi.Chi di spada ferisce di spada perisce,è stato lui il primo Magistrato senza Laurea a sputare sentenze di compatibilità ed opportunità,i risultati sono quelli di oggi.Si ripresentasse,avrebbe la riprovs che non è arte sua,dove li trova altri sedici disposti a fargli fare il sindaco bamboccio?Voleva altre teste da sacrificare ma ci ha rimesso la sua.Speriamo in meglio……….

  2. matis said:

    Lo avevo detto che non poteva ritirare le dimissioni ,che poi abbia fatto anche lui degli errori questo non si discute avendo consiglieri che gia in passato avevano dimostrato che al primo passo negativo mandavano a casa i loro Sindaci vedi Salatiello e Secone .spero che nelle prossime elezioni la gente scelga quel poco di buono che ci stava adesso e voti a gente nuova e giovane, se no se ognuno vota il suo familiare x sperare di avere un favore domani allora sara’ la fine di Quarto.Complimenti al Sindaco che pero’ e stato di parola a non ritirare le dimissioni..

    • matis said:

      I DUE NUOVI SINDACI DI QUARTO LI VEDO IN G, MARTUSCIELLO- O D.TISEO- X IL CENTROSINISTRA—- E GIANRUSSO E UN ALTRO GIOVANE X IL CENTRO DESTRA COSA NE PENSATE?

  3. Ulisse said:

    Io vedrei bene prima un bella attività di pulizia decennale della Commissione anticamorra, e poi inizierei a parlare di candidati sindaci.

  4. matis said:

    ULISSE sono pienamente d’accordo con te, ma avevo fatto dei nomi che si miscelano con giovani e uno un po piu’ esperto ma che nel paese e una persona stimatisssima sia dal centrosinistra che dal centrodestra il dott.Tiseo e penso veramente che potrebbe essere il vero Sindaco di QUARTO e di tutti i cittadini senza pero’ escludere gli altri nomi speriamo.

  5. ANALISTA said:

    Per cortesia stiamo un pò calmi. Ma possibile che senza “intrallazzamaienti” non riuscite a vivere?. I soliti nomi, le solite alchimie: centro-destra, centrosinistra. Ma basta! Ormai la cittadinanza ne ha le tasche piene di questo modo di politica del secolo scorso. Ma è possibile che bisogna schierarsi per far funzionare un organo democratico come è ” il comune”?
    Nuovi soggetti, nuove idee, lasciamo a casa chi ha amministrato dierttamente o ndirettamente negli ultimi 30 anni. Io a mio parere, per estirpare il cancro della camorra a Quarto ci vorrebbe un commissario almeno per 5 anni. In tal frangente le associazioni, i cittadini preparino persone capaci, oneste e che nulla hanno a che vedere con le famiglie ” borghesi” del paese.
    I salatiello, i giaccio, i defenza, i devivo, i secone, i sabatini, i perreca, i giarrusso,i carandente, i principe, i dicriscio, etc, etc ma vedete quanti c’è ne sono e sono sempre loro che manipolano il paese, sia da destra che da sinistra. E i cittadini come allocchi ,ad ogni tornata elettorale, si allineano in fila per spirito di amicizia o riconoscenza per qualche favorino avuto.

  6. parisegu said:

    I salatiello, i giaccio, i defenza, i devivo, i secone, i sabatini, i perreca, i giarrusso,i carandente, i principe, i dicriscio… io aggiungerei la stirpe degli APA, i baiano, gli amirante, i delprete, gli esposito, i cerlino i micillo e ghiatte e tutte le zoccole tipo i brusca, i iannicelli e dinacci & co. Io penzo che non ce niente da fare, le teste dilegno a Quarto sono tanti ce li troveremo sempre davanti. faranno un’anno e poi avremo un nuovo commissario e poi anvora e ancora ma comunque io dico ceh non ce a quarto, oggi una persona capace di governare bene, perche appena esce l’osso i cani si buttano sopra… che ne dite di un sindaco ex generale dei carabinieri o prefetto ed un governo tecnico?

  7. matis said:

    Guardate che dei personaggi che avete mensionato solo il Sindaco uscente ho mensionato ma perche’ e giovane, poi sia Martusciello e il dott.Tiseo sono i soli a salvarsi da questo terremoto politico, poi se tra sei anni di commissariamento vengono altri giovani interessanti non c’e il problema, ma quanto i comuni vengono amministrati da commissari si sa che fanno solo indispensabile non si prendono nessuna responsabilita’ e non so quanto ci converebbe –

Comments are closed.

Top