QUARTO, IACP: COMITATO CASTAGNARO PROTESTA. RIMANDATA INAUGURAZIONE CANTIERE

Sabato 24 marzo,nei pressi di via Crocillo ,alle ore 10 si sarebbe dovuta tenere la cerimonia simbolica della posatura della prima pietra per l’avvio dei lavori del nuovo cantiere dell’istituto autonomo case popolari.

 

Alla cerimonia il cui scopo ,era dare il via ai lavori per la costruzione di 36 alloggi da destinare ai meno abbienti,dovevano presenziare l’assessore ai lavori pubblici quartesi Valentina del Prete,nonché il primo cittadino massimo Carandente Gianrusso.

 

Ospiti inoltre dell’evento l’assessore all’urbanistica in campania Marcello Taglialatela  ed il presidente regionale Stefano Caldoro.

 

Durante l’attesa delle autorità indicate una folta delegazione di rappresentati del comitato antidiscarica del castagnaro ha fatto irruzione.Attimi caldi ,quelli in cui i cittadini quartesi hanno manifestato il loro dissenso per la presenza del sindaco alla manifestazione,al fianco del presidente Caldoro.

 

Infatti quest’ultimo nonostante numerosi appelli non ha mai preso una posizione forte di dissenso nei confronti della realizzazione del sito nel comune flegreo. 

 

Un sentimento di risentimento dunque quello provato dai cittadini quartesi che non hanno visto di buon occhio la compartecipazione all’evento delle del primo cittadino e del presidente Caldoro.Ad essere contestato inoltre è stato il senso stesso della manifestazione il cui scopo era la  costruzione di nuovi edifici in un territorio su cui grava una minaccia incombente,come quella della possibile realizzazione di una discarica,che lederebbe la salute pubblica.

.presenta gli obiettivi del suo mandato. L’intervista di Ilaria Cuomo

One Comment;

  1. ANALISTA said:

    “Non possiamo che essere soddisfatti, come Amministrazione, della costruzione di questi nuovi 36 alloggi: significa dare la speranza di una casa a 36 nuove famiglie e non è poco”
    Queste parole le ho estrapolate dalla rassegna stampa del sito del comune di Quarto, e sono virgolettate per cui si presume da attribuire al sindaco Giarrusso.
    Io chiedo al sindaco cosa ha fatto Lui e la sua giunta, nonchè i suoi sostenitori della maggioranza politica, affinchè questo progetto del Piano PEEP , che oltre al IACP ci sono altre 4 cooperative di privati cittadini, iniziato anni fà , ancora non ha visto il completamento delle opere anche per la poca attenzione che la giunta e gli uffici tecnici dedicano a quest’opera, ma anzi cercano con modi pretestuosi di sfilarsi nei momenti topici , anzichè dare apporto e supporto costruttivo e fattivo.
    Il sindaco Giarrusso, anzichè fare comparsata con i suoi assessori, capigruppo e personale tecnico. si impegni a contribuire ed allertare i propri responsabili dell’ufficio tecnico affinchè quest’opera infrastrutturale possa vedere la fine in tempi umani e non siderali. Solo dopo che tutti i cittadini hanno realizzato le proprie aspettative, si potrà fare una cerimonia in pompa magna portando in dote una contributo proprio e non lucrare su quanto fatto da altri.

Comments are closed.

Top