QUARTO, ARMANDO CHIARO SCEGLIE IL RITO ABBREVIATO

Sono trenta gli indagati che, accusati a vario titolo di avere avuto un ruolo nel clan Polverino, hanno scelto di essere processati con il rito abbreviato. Tra questi spicca il nome di Armando Chiaro, 36 anni, ex consigliere comunale finito in manette nel blitz del 3 maggio 2011 ed attualmente detenuto. La prossima udienza è prevista per l’11aprile. (di Alessandro Napolitano)

Per Armando Chiaro rimane l’accusa di essere stato un “colletto bianco” del clan Polverino, visto anche la sua attività politica. Chiaro, infatti, è stato eletto consigliere comunale nelle fila di Forza Italia nel maggio del 2007, rimanendo in carica fino al febbraio 2011, quando l’amministrazione di centrosinistra guidata dall’ex sindaco Secone “cadde” per le dimissioni di 16 consiglieri. L’anno scorso Armando Chiaro ci aveva riprovato, candidandosi con il Popolo delle Libertà, ma in piena campagna elettorale scattarono le manette “.

 

Top