DISCARICA CASTAGNARO: Anche la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei esprime perplessità per la scelta del Castagnaro

Con una nota dell’11 aprile 2012 la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei diretta ai Presidenti della Regione e della Provincia, al Sindaco di Quarto e al Commissario straordinario del Comune di Pozzuoli ha espressa perplessità sulla scelta del Castagnaro come sito per la realizzazione di una discarica e di un asse viario a servizio della stessa.

La soprintendenza osserva che la zona é sede di notevoli reperti di età romana e del bronzo, in particolare proprio dove si vuole realizzare la discarica vi sono i resti della “piscina della capriola”, della “chiesa di San Nicola” oltre vari colombari.

Questa ultima contrarietà alla discarica del Csatgnaro si va ad aggiungere a quelle già espresse da tutti i comuni dell’area flegrea, dal Consiglio regionale, dalla Camera dei deputati, dal Senato e dallo stesso governo che ha acolto favorevolmente una raccomandazione e un ordine del giorno in tal senso.

Quarto – Pozzuoli, 19 aprile 2012

Top