BAGNOLI: UN’ESTATE CON “BANCAROTTA”


E’ stata un’estate ricca di impegni per il collettivo Bancarotta di Bagnoli, lo spazio gestito da giovani per i giovani, nato il 2 giugno scorso, ha riempito i giorni caldi di chi non è potuto andare fuori città. Molteplici gli eventi che hanno già sottolineato il carattere forte di quest’idea, tra i tanti, concerti Reggae Dancehall, rassegne rock come 
“ Tu chiamale se vuoi distorsioni” in cui si è dato spazio a giovani band emergenti che hanno avuto modo di far conoscere la propria musica. Di pochi giorni fa la seconda lezione di Akido, un’antica arte marziale, tenuta dal maestro Giuffrè, per insegnare l’arte della disciplina e l’amore per gli sport. Lo spazio è situato in via Coroglio nei pressi della zona industriale dove una volta sorgeva la vecchia fabbrica Italsider, la sua creazione è l’esempio di come si possa ricavare qualcosa di nuovo e di vivo da vecchie macerie e lamiere abbandonate. La banca, cuore pulsante dell’iniziativa, in cui si recavano gli operai della vecchia fabbrica, non si è ridotta ad un luogo fatiscente lasciato all’incuria come tanti spazi della zona flegrea, ma è diventato, grazie a comuni cittadini e varie associazioni, un luogo di aggregazione giovanile e spazio culturale. Le attività in programma per promuovere un territorio politicamente e socialmente più attivo, continueranno anche nel mese di settembre, Bancarotta non si fermerà perché ormai è un simbolo, la prova che i cittadini possono riappropriarsi dei loro spazi, lasciati al degrado, per trasformali in centri di iniziative culturali e artistiche.

Elena Bruno

Top