SINDACO SECONE: «IL PRESIDENTE CESARO SMENTISCA LE VOCI DI UNA DISCARICA DA REALIZZARE A QUARTO, ALTRIMENTI TEMIAMO RISCHI PER L’ORDINE PUBBLICO»

Stamani su un quotidiano è apparsa la notizia di una possibile apertura di una discarica a Quarto. Immediata la reazione del sindaco di Quarto Sauro Secone che bolla questa ipotesi come una follia.

«Con vivo stupore ho appreso attraverso la stampa della presunta individuazione da parte del presidente della Provincia Luigi Cesaro di un sito da adibire a discarica nel territorio di Quarto. Mi auguro che questa notizia sia del tutto infondata, altrimenti ci troveremmo di fronte ad una scelta folle e dissennata. Il presidente Cesaro, inoltre, non ha nemmeno avviato un confronto preliminare né con le realtà locali né con l’amministrazione comunale di Quarto. Se è vero, tutto ciò è gravissimo». Il sindaco di Quarto, Sauro Secone, esprime il suo disappunto per alcune indiscrezioni apparse questa mattina sulla stampa locale, che riportano la decisione che avrebbe assunto la Provincia di Napoli per la localizzazione «a Quarto di un secondo sito per il conferimento dei rifiuti, per compensare il deficit di spazi e invasi del capoluogo», come riportato nel testo dell’articolo. «Tutto ciò è folle, per molti motivi – sottolinea il primo cittadino di Quarto, Sauro Secone – Il nostro è un territorio martoriato, che per anni ha visto trasformare le cave di via Spinelli in una discarica dove si è sversato di tutto, al punto che la magistratura ha messo sotto sequestro parte di quegli invasi, ipotizzando anche lo sversamento di rifiuti tossici e nocivi. Per non parlare, poi, delle conseguenze negative che ha dovuto subire la cittadinanza di Quarto dall’uso trentennale della discarica dei Pisani, al confine con Quarto. E, poi, non da ultimo, c’è anche l’aspetto orografico del nostro territorio: una piana con aria stagnante, che mal si concilierebbe con la presenza di un sito per i rifiuti. Il nostro è un «no» netto e perentorio. Il presidente Cesaro smentisca subito, prima che questa voci possano creare molte tensioni e pericolose proteste in città, che potrebbero comportare seri problemi per l’ordine pubblico. Quarto diventerebbe una nuova Terzigno».

20 Comments

  1. quartopotere said:

    Tanto noi abbiamo il compostaggio…

    In data 23 dicembre scorso, il Comune Di Quarto ha pubblicato un BANDO PUBBLICO PER L’ACCESSO ALLA PRATICA DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO conferendo in comodato d’uso 60 compostiere. Nel documento disciplinare, che dovrebbe spiegare dettagliatamente il tutto, per ulteriore chiarezza stabilisce la concessione in comodato d’uso gratuito, da parte del Comune, di 60 compostiere ai primi cento richiedenti. Come farà non si sa, il 100 non entra nel 60. Le compostiere devono essere posizionate all’aperto, ad adeguata distanza da altri confini, al fine da non provocare molestie al vicinato. Quindi nessun condominio e/o immobile privo di ampio spazio verde potrà farne richiesta, solo ville con relativo boschetto, in quanto le compostiere prediligono essere posizionate all’ombra dei cipressi (come diceva Ugo Foscolo). Tutto l’umido va messo in queste compostiere ma il comune avverte: “ATTENZIONE: Carne e pesce, pur essendo materiali degradabili, possono attirare animali indesiderati, come topi e insetti. Per evitare l’insorgere di inconvenienti igienico-sanitari, ne è ammesso l’utilizzo solo se non provoca la diffusione di cattivi odori e/o la proliferazione di insetti e roditori”. Ma il trattato del comune, denominato “Il Rifiuto Fiorisce” non si esaurisce in queste illuminate istruzioni, va oltre, molto oltre. Infatti, suggerisce che “per una buona riuscita del compostaggio si raccomanda di adottare i seguenti accorgimenti: mescolare in proporzione corretta i rifiuti organici più umidi (2-3 parti di scarti di cucina, erba ecc.) con quelli meno umidi (1 parte di rametti, legno, foglie) in modo da ottenere un apporto nutritivo equilibrato per i microrganismi responsabili della degradazione; triturare o tagliare i rifiuti più grossi prima di inserirli all’interno della compostiera: accertarsi che la miscela abbia un’adeguata porosità (presenza di rametti e/o cippato) ed effettuare periodici rimescolamenti per garantire una buona ossigenazione interna della massa. Procuriamoci, quindi, dei trituratori, dei rametti, una scippatrice per il cippato, oppure possiamo comprare il cippato nei migliori vivai che, a tal scopo, ne hanno già fatto grandi scorte. Per coloro che non entreranno nella graduatoria delle compostiere, niente paura. Potranno adagiare i rifiuti a terra, o in casse di legno, o in buche, attenzione però, sempre al fresco dei cipressi. Bisogna, poi, controllare periodicamente e rivoltare i materiali messi a dimora e se sono secchi innaffiarli. Dopo 3 o 4 mesi potrete tranquillamente concimare i vostri pelargonium. Non vi preoccupate se i vostri fioriti giardini diverranno rifugi per animali d’ogni tipo e vedrete graziosissime pantegane giganti sguazzare nel putridume, mentre il tutto diventa fonte di cattivi odori, procurandovi non pochi motivi di dissenso con i vostri vicini. Parafrasando Bennato: a qualche cosa devi pur rinunciare in cambio della libertà che ti abbiamo fatto avere, perciò adesso non recriminare mettiti in fila e torna a compostare…

  2. Eric58 said:

    La vedo nera…..Che il Sindaco segua la cosa con molta attenzione !!!!!!!
    Temo che il progetto sia reale . D’altra parte perchè la Provincia dovrebbe riservarci un buon trattamento dal momento che il nostro Comune ha fatto una pessima figura sulla raccolta differenziata ? . Teniamoci pronti a tutto.

  3. Vincenzo said:

    Quarto al momento è già una discarica a cielo aperto, disparata in vari punti ma sempre discarica è.
    Se non si effettua la raccolta differenziata cari cittadini siamo rovinati.
    Laltro ierri hanno finalmente svuotato i cassonetti sotto casa mia dopo piu’ di un mese.
    Il giorno dopo erano gia’ colmi non di immondizia indifferenziata ma bensi’ da cartoni enormi che occuppavano tutti i cassonetti.
    Se li avessi visti avrei preso la telecamera e li avrei filmati e denunciati alle autorità competenti.
    Per questa volta sono stati fortunati, ma lo scopo e quello di prenderli in flagrante per denunciarli .
    Il colmo è che a pochi metri vi sono i bidoni della differenziata tra cui vetro, carta e plastica.
    Poi non veniamo a lamentarci.
    Bobbiamo essere prima noi a metterci una mano sulla coscienza e migliorare questa situazione, poi ci sarebbe di intensificare i controlli anche con telecamere per tenere sotto controllo quei siti conosciuti dove sversano di tutto come se fosse una vera e propia discarica.
    Aiutiamoci, a Quarto ci viviamo noi.
    E’ anche vero pero che siamo considerati l’ultima ruota del carro tra la provincia di Napoli, per cui un appello al Ns. caro sindaco che si attivi quanto piu’ possibile per migliorare la vita a Quarto. Ci vive anche lui qui.

    Vincenzo

  4. catonedomenico said:

    Vorrei fare questo appunto al sindaco dalle sue parole!
    “E, poi, non da ultimo, c’è anche l’aspetto orografico del nostro territorio: una piana con aria stagnante, che mal si concilierebbe con la presenza di un sito per i rifiuti.”
    Questo problema di una eventuale discarica rispetto al piano casa che il sindaco ha prodotto ed all’ inquinamento che il piano casa genererà è mimino. Caro Sindaco rifletti quando parli che sbagli sempre. Compresa la stupida commisione che vuoi fare sul piano casa che serve a farci spendere altri soldi. La commissione devi farla per le opere primarie e secondarie e fatta da esperti che non siano tuoi amici o dei tuoi collaboratori, dato che a tutt’ oggi non hanno prodotto per la cittadinanza nessun risultato, anzi disastri.Teoricamente ormai hanno distrutto l’ ottima progettazione del PIP ed i relativi finanziamenti. Io sono contrario alla discarica. Cordiali saluti ai lettori. Catone Domenico

  5. Quarto anch io said:

    Come presidente della nuova associazione Quarto anch’io mi permetto invitare tute le associazioni presenti sul territorio per POTERCI presentare; ma in particolar modo ad avere LUNEDI 17 GENNAIO ORE 18 presso la scuola ANNO ZERO in Via masullo 34 un incontro confronto sulla notizia di una istituenda discarica nelle cave di Quarto,Francesco Martinelli
    Discarica??? Incontro associazioni Quarto
    lunedì 18:00
    Scuola ANNO ZERO Via Masullo

  6. quartogiovane said:

    Buongiorno,
    Siamo alle solite, oltre alla beffa anche il danno, tutto grazie al nostro primo cittadino,che poi tanto primo non lo è, visto che alla richiesta di ulteriori delucidazione in merito alla “discarica”,(come è suo solito) la risposta è stata “Non so Nulla, mi è nuovo”. E ci credo!!!!! è sempre in viaggio per piacere….
    Ma la vogliamo smettere!!!!!!!!!!
    Caro Sign. Sindaco sa’ cosa significa essere il primo cittadino di una città?
    Le ricordo che dovreste tutelare il nostro territorio, (no violentarlo)Lei e la sua combriccola.
    Da quando vi siete insediati, siamo onesti, NON AVETE COMBINATO NULLA DI BUONO per il bene collettivo, l’unica cosa che sembra siate riusciti a fare, è stata quella di trasfomare il comune in una impresa edile “QUARTO S.R.L.” & Co.
    MA come ogni buona Impresa, a fine anno si tiranno le somme, Voi Lo avete fatto? il risultato?
    Oggi siamo ancora nel pieno di un emergenza (anche se tale non si può più definire, anzi sarebbe più adatta classificarla come Evento QUOTIDIANO), e la vostra azione è stata quella di
    aver dato una spolverata alle strade (e con le prime piogge , tutto e ritornato ad essere una groviera.
    aver aumentato la TARSU
    ridotto ancor di più il servizio,
    e come beffa ulteriore , ricordiamo a tutti che il Comune ha 6 Camion per la raccolta della MUNNEZZA” nuovi nuovi, mai utilizzati,è mai si potranno utilizzare. DISSE TOTò : E’ IO PAGO………
    Scusate per lo sfogo, ma non è più tollerabbile questa situazione…..
    In merito alla notizia della discarica vicino Quarto, spero che non ci costringiate ad essere TERZIGNO 2,
    ma almeno una volta prima che finisca il mandato, ad assumervi la responsabilità di una vera Giunta Comunale e Lei di un vero Sindaco , DIFENDENDO LA SALUTE DEI CITTADINI senza BARATTARLA ….
    Grazie per l’attenzione e buona giornata

  7. Raffaella Iovine said:

    per ribadire “NO alla discarica” ,invito tutti i cittadini di Quarto a dimostrare il loro dissenso domenica mattina alle 10,30 presso la cava dei casalesi in via spinelli

    per contatti iovine@fastwebnet.it

  8. Quartomondo said:

    Una discarica a Quarto Flegreo? Gli unici a potersi lamentare, sono i clan della camorra che, ad oggi, hanno l’esclusivva assoluta di questo segmento d’affari. Magari se Secone avesse parlasto più di camorra e meno di altro, forse adesso staremmo tutti meglio. Da notare che nessun politicaro locale, dal sindaco fino all’ultimissimo consigliere comunale, ha mai parlato di camorra, nonostante questa sia la padrona assoluta di ogni cosa.

  9. catonedomenico said:

    Cari lettori, non facciamo ancora inutili allarmismi, per il momento è una ipotesi, ipotesi che non si potrà mai concretizzare per l’ umido o indifferenziata, dato che nel raggio di 1 KM abitano oltre 10.000 abitanti, la legge è rigida e per l’indifferenziata non consente la creazione della discarica. Inoltre le discariche sono sotto sequestro, devono prima essere dissequestrate, messe in sicurezza e dopo potranno scaricare. Per petizioni ed altro esiste tutto il tempo. Io direi di non fare inutili allarmismi. Certo, bisogna prestare attenzione. Adesso per il sindaco esiste un problema grande a marzo scadono i tempi utili per non perdere i finanziamenti dei Piani di Insediamento Produttivi, questa pupplicità in fase ipotetica di una discarica non vorrei che fosse usata per distoglire i cittadini dai reali problemi della città. Voglio ricordare a tutti che ove si verificasse la perdita dei finanziamenti, sarebbe una gravissama responsabilità di inaudita gravità per l’economia di Quarto. Cordiali saluti Catone Domenico

    • Eric58 said:

      Mi spiace di non essere d’accordo . Bisogna invece sina da ora dare corso a tutte le possibili soluzioni affinchè il progetto di una discarica nel territorio di Quarto venga quanto meno ufficialmente smentito . La storia anche recente di questo Paese (e per paese non intendo soltanto Quarto , ma l’Italia) ci insegna che le Istituzioni (o chi per loro) quando devono risolvere uin problema vanno avanti per la loro strada , purtroppo anche perpetrando azioni ingiuste e dannose in danno dei cittadini !!! Quindi non deve ipotizzarsi neanche lontanamente che vengano avviate le procedure (dissequestro , messa in sicurezza , etc.) che potranno consentire la discarica. La verità è che questo Paese (e ora mi riferisco a Quarto) evidentemente è ormai tra i peggiori della Provincia a livello di vivibilità ed è popolato per buona parte da una classe “media” (residenti immigrati da Napoli negli ultimi 30 anni) con scarsa attitudine a fare sentire lsa propria “voce” , anche perchè a Quarto sostanzialmente ci vengono soltanto a dormire !
      Il problema della discarica (seppure ipotetica) è pertanto REALE , come tutti gli altri (strade scassate , etc.) ma senz’altro più grave . Non bisogna lasciare passare niente .

  10. catonedomenico said:

    Egregio Eric58, montare una storia per ipotesi, per spostare l’ attenzione, non è opportuno, quando vi è una ufficialità vi devono essere le azioni. Adesso facciamo fare in tranquillità il lavoro agli addetti. Quando vi saranno informazioni certe si studieranno le soluzioni. Adesso esistono altri problemi più gravi. Inoltre la cava è molto piccola ed è sotto sequestro. Non esageriamo in inutili allarmismi. Saluti Catone Domenico.

    • Eric58 said:

      Resto della mia idea . Perchè non vi sono state smentite da parte del Presidente della Provincia , sebbene richieste in via ufficiale (pare) dal Sindaco ?
      Nessuno , credo , vuole spostare l’attenzione . Sicuramente non noi che ci sentiamo fregati da questo ennesimo pericolo. Si tratta di non essere fatti fessi ……….. un’altra volta . Si , essere fatti fessi , come chi , in questo Paese , è costretto a subire ogni giorno la iniquità di vedere il centro di Quarto sempre lindo e pinto ed invece la cosiddetta periferia (ma periferia di che ? di cosa ?) sempre e perennemente stracolma di monnezza di ogni tipo (vedi prolungamento di via Crocillo , via Santa Maria zona Paratine , e così via) nonostante una tassa per la TARSU sempre più pesante . Caro sig. Catone , forse non lo ha capito , ma SIAMO ESASPERATI . E non esistono problemi più gravi della salvaguardia della saluta nostra e dei nostri figli , dela tutela delll’ambiente , della vivibilità , del decoro , della dignità , aspetti questi nessuno dei quali può oggi come oggi essere associato con il nome di Quarto Flegreo . Poi c’è chi la pensa diversamente , certo . Ma ciò dipende essenzialmente da come ognuno è abituato a vivere e dal personale grado di dignità e di autostima.

  11. Francesco Cangiano said:

    Devo dichiararmi d’accordo con il gentile Eric58. Troppe volte chi aveva la responsabilità ha detto una cosa e ne ha fatta poi un’altra. Personalmente ho avuto modo di parlare con l’Assessore Biondi che mi ha confermato che ha avuto un incontro con il Presidente Cesaro, il quale avrebbe etichettata come inventata questa notizia e la stessa cosa mi è stata riferita dai referenti locali (chi gli ha portato migliaia di voti insomma) di Cesaro. Sarà di certo così anche se voci dicono che tecnici della provincia si sono visti in quella zona. Sarà così ma visto l’importanza di una tale decisione da parte del Presidente Cesaro e del Presidente Caldoro, sarà meglio comunque rimanere in allerta: è ampiamente dimostrato che le Amministrazioni comunali non hanno alcun potere in questi casi ed è necessario che la gente faccia sentire la sua voce

  12. catonedomenico said:

    Caro Cangiano, quindi è come dico io, inutili allarmismi, ed attenzione alta all’ eventuale problema della discarica. Inoltre, ti faccio riflettere che il Sindaco nelle sue funzioni di pubblico ufficiale ha rasentato i limiti della legalità, mi riferisco al procurato allarme senza giustificato motivo. Saluti Catone Domenico.

  13. catonedomenico said:

    Caro ERIC58, hai ragione ad essere esasperato, anche, io sono esasperato e stanco, si vede anche da come scrivo ultimamente. Se leggi altri miei post su altri articoli mi puoi comprendere. Se mi espongo è per cercare di portare la ragionevolezza tra chi ci guida amministrativamente. Pugnalare con l’ inchiostro serve a far ragionare, però si deve fare nel rispetto delle regole democratiche. Se in una società non vi è il rispetto delle regole democratiche, allora, la convivenza sociale sfocia nella inciviltà. A Quarto in questo momento, più che mai, non vi è il rispetto dei cittadini e delle istituzioni. Esprimi sempre le tue opinioni liberamente siamo in democrazia e la partecipazione è importante. Saluti Catone Domenico.

  14. Eric58 said:

    Le Istituzioni il rispetto possono meritarlo o possono perderlo , dipende solo da loro . Esattamente come gli uomini. Per il resto , non ho mai avuto dubbi di potere esprimere le mie opinioni , caro Catone . Buona giornata

  15. Quartomondo said:

    A Quarto Flegreo, le “Istituzioni” hanno le inziali minuscole, gentile Eric58.

Comments are closed.

Top