RIFIUTI: INTERVENTO STRAORDINARIO DELL’ESERCITO

Questa mattina in giro per le strade soprattutto alla periferia di Quarto era possibile vedere anche cumuli di spazzatura che galleggiavano sull’acqua caduta per le abbondanti piogge, con i sacchetti neri della spazzatura presenti soprattutto in piazzale Masullo, in via Campana, in via Consolare Campana, in via Don Morosini. A Quarto ci sono a terra ancora oltre 900 tonnellate di rifiuti in giacenza e ieri mattina sono intervenuti di nuovo anche i militari con i mezzi dell’Esercito in aggiunta ai camion della Quarto Multiservizi. «Siamo in costante contatto con la struttura militare e con l’Ufficio Flussi della Regione Campania – sottolinea il sindaco Sauro Secone – Purtroppo abbiamo bisogno di scarichi aggiuntivi, altrimenti dalla fase emergenziale non ne usciremo nemmeno tra 15 giorni. Noi facciamo il possibile e dall’1 gennaio abbiamo anche potenziato i controlli negli esercizi commerciali dove abbiamo vietato con ordinanza l’uso delle buste di plastica». L’Amministrazione comunale di Quarto è impegnata, poi, sul potenziamento della percentuale di raccolta differenziata. «Dai dati forniti dalla Quarto Multiservizi possiamo dire che, nonostante la crisi nel prelievo dei rifiuti di questi ultimi due mesi, la percentuale di differenziata è aumentata – sottolinea l’assessore all’Ambiente Vincenzo Biondi – Un aumento frutto dell’ampliamento dell’orario di conferimento presso l’isola ecologica attiva in via Lenza Lunga, delle nuove postazioni per la differenziata collocate nel centro storico e nei pressi delle chiese e per il bando per le compostiere domestiche che faranno scattare riduzioni del 20 per cento sulla Tarsu. A breve, poi, distribuiremo i contenitori per la raccolta differenziata porta a porta».

Salvio Di Lorenzo

9 Comments

  1. Quartomondo said:

    Ma Secone non farebbe meglio a tacere, trovando qualche angolino buoi dove nascondersi per il prossimo mese?

  2. Vincenzo said:

    Ricordo male o si era detto che da inizio anno si sarebbe partiti con la raccolta porta a porta in via sperimentale in via Crocillo.
    Un’altra fandomia e presa per il sedere di promesse poi mai mantenutenute.
    E’ vero che anche noi cittadini di Quarto e mi sono messo prima io ( anche se la raccolta differenziata la faccio già da tempo ) facciamo pena.
    Si vede roba buttata ovunque quando a pochi passi vi sono i bidoni della differenziata.
    Allora vi piace stare nell’immondizia.
    Si aggiungono poi promesse mai mantenute.
    Si dave dare una svolta repentina.
    Fare leggi sulla differenziata, attivarla e dare multe pesanti a chi non la rispetta.
    Allora solo chi verrà colpito con il pagamento in denaro si verrà colpito veramente.
    Non solo con promesse, poi vedremo, poi faremo poi,poi,poi solo poi, dopo. Ma quando, forse mai.
    Attivare, fare non solo parole.
    E’ il momento di dare una svolta.
    Spero anche se la vedo una utopia presto.

  3. Eric58 said:

    La cosa più grave , cari amici , non è la emergenza rifiuti . E’ che alcune zone della città vengano costantemente escluse dal prelievo della immondizia. Parlo di via Santa Maria , dai parchi Cafasso in aventi , all’incrocio con via Paratine . E parlo anche della discarica che ormai si è andata a creare , sotto gli occhi di tutti , all’interno della città , sul prolungamento di via Crocillo , fino alla Scuola Mario Napoli . E’ questa la più grande vergogna . Una iniqua disparità di trattamento che va perpetuandosi anche in questi ultimi giorni . Neanche l’esercito interviene in queste zone . Il Comune non può dire di non saperlo . Sono anni che faccio segnalazioni inviando email all’ Ufficio Relazioni Pubbliche .
    Sono stufo di essere preso in giro .

  4. Quartomondo said:

    Gentile Vincenzo, la tua posizione è davvero condivisibile!

  5. quartopotere said:

    Il sottuficiale Biondi, neo assessore all’ambiente (che poi si aspettano ancora di conoscere i meriti partiolari che lo hanno catapultato a via De Nicola visto che, per sua ammissione, non aveva nemmeno un briciolo di esperienza nel campo. Vorremmo anche conoscere quell’altra mente eccelsa che lo ha prposto) dichiara che:
    la percentuale di differenziata è aumentata
    …. omissis …
    per il bando per le compostiere domestiche che faranno ….
    ….
    Minghia signor sottufficiale, che fa? Afferma che la differenziata é aumentata per una cosa al di la da venire?
    Confusione totale. Prima che mettano sotto anche te, caro Biondi, prendi esempio da Tiseo e Iovine. Ti gioverà

  6. Quartomondo said:

    Credo che il soldatino Biondi sappia esattamente il COME ed il PERCHE’ è stato messo lì. Per i politicari di Quarto Flegreo, l’assessorato all’ambiente è solo un gran rottura di scatole, che limita l’edilizia, gli abusi, il cemento e dunque, gli affari degli amici e della lobby.
    Purtroppo la Legge prevede quel ruolo e bisogna fare finta di adoperarsi in quella direzione. Non è un caso che la Iovine sia stata costretta a fuggire via. Se vuoi fare, se pensi, sei d’intralcio ai politicari quartaiuoli, e duri poco.
    Biondi è un prodotto a scadenza e quello che dice o non dice, non ha alcuna importanza.

  7. frescobaldo said:

    Vedo che che come me vi ponete degli interrogativi, su Secone e sul’assessore Biondi, 1° Biondi e stato nominato dalla componente Politica di forza Quarto ,gruppo facende capo a ,Principe ,Cerlino Imbriani .che aveva come candidato a Sindaco il Principe, che sulla strada di damasco si e convertito nel seconismo , Secone sulle promesse di differenziata credo che non potra manternerle , e solo un altra bufala delle sue, fare la differenziata comporta risorse economiche che detto da lui il Comune non a , BUGIA ,l’assessore Biondi piu che fare l’assessore fa il dipendente della multiservizzi, credo che un assessore debba lavorare sulla programmazione non facendo lo spazzino ,per fare la differenziata oltre ai fondi ci vuole organizzazione , la si fa coinvolgendo i cittadini, educandoli la dove serve , spiegare le varie fasi della raccolta e altro munendosi di attrezzature adatte a fare la differenziata , dovè sono? siamo al ridicolo ci prendono in giro con l’ennesima bugia,la domanda che mi pongo e vi pongo e ( Ma non si vergognano) ormai noi cittadini siamo sfiduciati di tutti e di itutto , forse e meglio il Commissariamento , perche se andiamo avanti cosi il mio stipendio non bastera per pagare la tassa sui rifiuti ,Quarto liberà

  8. Quartomondo said:

    Frescobaldo, sei un personaggio molto interessante.Conosci fatti e vicende ignote ai più, ma ho la sensazione che alteri la tua capacità di comunicazione, volutamente, per qualche ragione ignota.
    In ogni caso, ci mancherebbe solo che uno come Prencipe si possa proporre come sindaco e poi, davvero, passerebbe qualunque cosa. In quello scenario, chiamerei l’esorcista più bravo di Napoli (ma avete mai visto lo sguardo di Prencipe?) e girerei per il paese solo armato di Crocifisso ed acqua santa!

  9. Eric58 said:

    Stamani a via Crocillo sembrava di essere a Bagdad . Camion dell’esercito in assetto di guerra .
    Speravo che finalmente sarebbero stati rimossi i cumuli di immondizia che da mesi ristagnano lungo il prolungamento di via Crocillo ,invece niente ! Questa zona della città è stata notoriamente adibita a discarica a cielo aperto , ad uso delle altre zone del paese , ma anche dei Comuni limitrofi . E ciò nonostante nelle immediate vicinanze vi siano almeno due scuole , la Mario Napoli e l’ Istituto Superiore . I ragazzi domattina torneranno ad andare a scuola tra i cumuli di monnezza. Questo atteggiamento discriminatorio nella rimozione dei rifiuti , pure in situazione di emergenza , è CRIMINALE . La parola crimine , in italiano , non individua soltanto i reati contro la vita , il patrimonio , etc. Chi viola la legge in qualsiasi campo è un criminale . Chi lascia SEMPRE alcune zone della città nella immondizia e ripulisce SEMPRE E SOLO le altre si macchia di un reato . Sia ben chiaro. Non esistono giustificazioni di fronte alla iniquità di tale situazione !!!!!

Comments are closed.

Top