MASSIMO CARANDENTE GIARRUSSO PROCLAMATO NUOVO SINDACO

Questo pomeriggio, presso il Comando Provinciale della Polizia Municipale, Massimo Carandente Giarrusso ha indossato per la prima volta la fascia tricolore, dopo essere stato ufficialmente nominato nuovo sindaco di Quarto.

httpv://www.youtube.com/watch?v=v2_PFVGzG78

4 Comments

  1. ariapulita said:

    Caro sig. Carandente , Caro Sindaco.
    Io non l’ho votata , chiariamolo subito . Ma il buon senso impone che Le venga data fiducia .
    Come pure la dignità impone che , una volta acquisita la carica , non si cerchino scuse e giustificazioni e si dia piena attuazione ai programmi pubblicati in campagna elettorale. Abito in via Santa Maria (il prolungamento) e sono anni che vivo sommerso dall’immondizia , che in questo paese viene prelevata con continuità solo nelle zone centrali.
    Se entro tre giorni l’immondizia sarà ancora in via Santa Maria , mi spiace ma per me Lei avrà già fallito. Come avrebbe fallito qualunque altro fosse stato eletto.
    Per ora buon lavoro.

  2. liberopensatore said:

    Salve a tutti,
    Sono un cittadino di Quarto dal 1980, ho avuto fino ad ora poca possibilità di addentrarmi sulle problematiche politiche e socio-culturali della città.
    Ultimamente seguo le cose cittadine attraverso il sito di Quartocanale.
    Nel ritenere questo sistema estremamente libero dove chiunque può in forma anonima e/o palese esprimere le proprie opinioni. Sono rammaricato, leggere in alcuni casi improperi ed affermazioni che rasentano la diffamazione, ritengo invece che tale occasione deve dare spunti a vere e proprio discussioni costruttive, nel rispetto di qualsiasi posizione.
    Invito pertanto i tanti che si limitano solo a leggere di partecipare compatti a rappresentare le proprie idee. Vorrei aprire una riflessione sull’esito dell’ultima tornata elettorale tenutasi a Quarto per l’elezione del sindaco e relativi consiglieri. Si parla e si sparla senza cognizione di causa solo dei meriti e/o demeriti del Sindaco in carica, mentre molto andrebbe detto sulle responsabilità degli assessori e dei consiglieri che formano il governo del paese.
    Tanto premesso, sono pienamente in accordo con “ariapulita”, non si può fare a meno di augurare al nuovo sindaco Massimo (così ha insistito voler essere riconosciuto) le migliori fortune e gli auguri più sinceri di una proficua consiliatura, anche se credo che c’è bisogno di un po’ più tempo prima di condanne.
    Bisogna cominciare a pensare che chiunque chiamato a gestire le sorti di una cittadina come la nostra , deve concentrarsi a risolvere i problemi della stessa, non si può pensare che le future scelte potranno essere condizionate da filosofie di partito e/o interessi familiari.
    Per tutti coloro che non si sentono rappresentati dall’attuale maggioranza possono sempre organizzare una leale attività di controllo della gestione della città e se il programma, presentato ai cittadini che li hanno votati, viene regolarmente messo in pratica, se l’opposizione effettua una seria e decisa attività nelle sedi opportune, nonché mantenere informato ed aggiornato il popolo di Quarto Perchè solo attraverso ciò sarà possibile in modo civile e costruttivo smascherare e documentare abusi e/o soprusi , azioni di prevaricazione, ecc..
    Come “ariapulita” anche il sottoscritto ritiene che come annunciato dal MASSIMO la prima delibera debba riguardare altre priorità invece del campo rom in Quarto in quanto questo fatto già da solo non è realizzabile.
    Sarebbe bello sapere anche cosa ne pensano i presunti conoscitori della storia di Quarto e dei Quartesi.

  3. edf52 said:

    Liberopensatore, quanto ti ha dato o promesso il tuo MASSIMO (maiuscolo come fai tu). Sei un pupo come lui e, come lui, mosso da pupari… capisce a mme!

  4. liberopensatore said:

    Mi dispiace che le mie parole siano state fraintese (casualmente/volutamente), non era mia intenzione fare una sviolinata al nuovo sindaco ma bensì sollecitare le persone, come il sottoscritto, che non si sentono rappresentati dalla maggioranza determinata da democratiche votazioni “fino a prova contraria”, a superare questo clima di compravendita di tutto e di tutti, e attivarsi per controllare costantemente se queste persone che prima come candidati e poi come legittimi eletti a mantenere la parola data, cioè lavorare da subito a mettere in pratica il proprio programma.
    Nella speranza di essere stato più chiaro saluto alla prossima

Comments are closed.

Top