LE FINTE DIMISSIONI DEL SINDACO SECONE : PER IL PDL IL RITIRO DELLE DIMISSIONI DEL SINDACO È L’ENNESIMO TEATRINO DELLA VERGOGNA!

Con questo nuovo colpo di scena il sindaco  punta entro un mese  ad attuare  tutto il programma  promesso, annunciato e mai realizzato  sui tantissimi  punti  come le  farmacie comunali, il Pip, il PUC,  il distretto sanitario, la piscina comunale, ecc.

Il PDl, attraverso il suo coordinatore cittadino, Armando Chiaro, sferra un duro attacco al sindaco Secone e alla sua amministrazione a seguito del ritiro delle dimissioni annunciate dal primo cittadino. Dopo  le dimissioni   del Presidente del  Consiglio Comunale seguite successivamente,  prima delle  festività natalizie da quelle del sindaco  Sauro Secone, arriva il Colpo di scena   nella mattinata  del giorno 04.01.2011, con la  revoca da parte  del Sindaco delle  sue dimissioni annunciando che esisterebbero nuovi equilibri di maggioranza  per completare   la legislatura e  il programma cittadino. Con questo nuovo colpo di scena il sindaco  punta entro un mese  ad attuare  tutto il programma  promesso, annunciato e mai realizzato  sui tantissimi  punti  come le  farmacie comunali, il Pip, il PUC,  il distretto sanitario, la piscina comunale, la raccolta differenziata, il piano industriale e di rilancio della  Quarto Multiservizi. Secone  nella  sua conferenza  stampa  tenutasi con esponenti di maggioranza e della stessa opposizione, ha annunciato che entro il 05 febbraio  trarrà il bilancio di 30 gg di  buon governo e se nel caso   non riuscisse ad  attuare i punti del programma si dimetterà senza possibilità di  revoca. Dal canto suo il  coordinatore cittadino  de “ il Popolo della  Libertà” afferma  di non essere stato presente a questo “ennesimo teatrino”  della politica Quartese  in quanto da giorni a letto con la  febbre,  che in questi giorni stà tenendo a  letto  milioni di italiani, e che comunque è stato degnamente  rappresentato  dal capogruppo consiliare del Pdl Eugenio Iannicelli e dal  Vicecoordinatore  e  consigliere comunale Franco Carputo. Sul  ritiro delle  dimissioni  del sindaco e su sui prossimi  mesi di governo cittadino , il coordinatore  fa sapere che  sarà una  opposizione   dura  senza   sconti.

6 Comments

  1. Quartomondo said:

    Oh mamma mia….l’ Enrico De Nicola di Quarto Flegreo ha avuto la febbre e non ha potuto intervenire! Chissà quali perle di saggezza e di conoscenza ci siamo persi.
    Questo prezioso figlio di Quarto Flegreo, che ci guida e ci illumina…

  2. Quartomondo said:

    Se siamo messi tanto male e se abbiamo raggiunto il fondo, sul piano ‘politico’ e ‘amministrato’ e anche perché a rappresentare migliaia di persone, non abbiamo il meglio della collettività amministrata, ma Armando o’ muzzarellaro, Carputo da falanghina, Giuvann o’tabaccaro, o’parrucchiere, Totonno o peones, Totore o bellillo e così via.

  3. frescobaldo said:

    Diceva Totò , (ma mi faccia il piacere ? ) il coordinatore del PDL sferra un attacco duro nei confronti del Sindaco , dicendo che da oggi in poi sarà un opposizione dura e attenta su tutto , peccato che le pernacchiè non si possono fare sul web , menomale che il Sindaco a ritirato le dimissioni ,stavano morendo , credo che il telefono dl Sindaco e stato sempre occupato da consiglieri della PDL i quali lo imploravano di ritirare le dimissioni ,e adesso viene il bello , come faranno a non votare ? visto che si parla di programma che va nella direzione dei cittadini, ambizioso trasparente e legalità massima, Caro Coordinatore adesso che fai Voti o no , visto che volevi lo sviluppo della città, o e una bugia? o forse volevate metterci voi la mani sopra ? invito i frequentatori del sito a essere presenti nei prossimi consigli comunali per verificare il comportamento dei gruppi consiliari in merito ai problemi veri della città.

  4. quartaginese said:

    Si, ma però… questi politicanti, o politicari come li chiama qualcuno, ma forse meglio politicazzi, ti fanno parlare da solo. Mi sono visto di nuovo il video del sindaco ch ritirava le dimissioni a fronte dei punti programmatici nuovi, che poi sono di ieri, ieri l’altro e due anni e mezzo fa. Ma la cosa più spassosa e cje mi è venuta in mente la trasmissione di Vespa sul contratto con gli italiano fatto dal più grande presidente del consigòlio che il mondo ricordi: sua altezza l’inseminator di Arcore, l’imperatore del bunga-bunga, il fra Inteso aspirante papa Pio tutto, il kamasutra vivente, il più rifatto degli italiani: Silvietto Berlusconi. Embè, Secone ha fatto e detto tutto come lui, ci è mancato solo la firma del contratto con i quartaioli.

  5. frescobaldo said:

    Io mi chiedo come si possa votare un partito il quale e rappresentato da soggetti , impresentabili e dir poco, credo che in politica una qualità e l’etica e d’ovè , la dignità e d’ovè , credere nei valori di legalità e trasparenza amministrativa, pur avendo simpatia per un partito come la PDL siamo costretti a non votare o votare altri, finquando ci saranno soggertti come chiaro, apa, contini,carputo,micillo , si professano di destra e poi , dichiarano di essere amici di secone, il Micillo e un amico di famiglia del sindaco , io non ci capisco piu niente ,falsi profeti, meglio se ti imparavi zappatore, o zappatore nu’sa scorda a propria città

  6. Quartomondo said:

    Il commento di fescobaldo, mi piace tanto. Si mette in evidenza tutta la differenza che passa tra l’Italia e Quarto Flegreo, fino a separarne il primo partito della nazione, dai suoi responsabili locali!
    Bellissimo!

Comments are closed.

Top