IMPRENDITORI DI QUARTO E DI MARANO COSTRETTI AD UTILIZZARE CEMENTO SCADENTE?

Dopo il sequestro, avvenuto la settimana scorsa, delle 16 abitazioni abusive che stavano sorgendo in modo illegale sulla collina tra Quarto e Marano, si è aperto un nuovo inquietante filone investigativo sul quale stanno lavorando i carabinieri.

Dopo il sequestro, avvenuto la settimana scorsa, delle 16 abitazioni abusive che stavano sorgendo in modo illegale sulla collina tra Quarto e Marano, si è aperto un nuovo inquietante filone investigativo sul quale stanno lavorando i carabinieri. Una indagine complicata e alle prime battute e che punta a verificare la fondatezza dell’inquietante ipotesi secondo la quale a molti imprenditori della zona di Quarto e Marano gli emissari dei Polverino avrebbero imposto il cemento ritenuto dalla pubblica accusa scadente e realizzato dalla «Ca.Fa.90», società che – secondo le accuse tutte da provare – sarebbe riconducibile al clan di Marano. Si tratta delle centinaia di mansarde e sottotetti termici realizzati a Quarto e Marano tra il 2006 e il 2009 sono state costruite utilizzando il cemento scadente, imposto a suon di minacce agli imprenditori del luogo dal clan camorristico dei Polverino. “Calcestruzzo scadente, ma imposto dalla criminalità organizzata alla stragrande maggioranza dei cantieri edili della zona di Quarto, Marano, Calvizzano e Qualiano», come si legge nelle oltre 1200 pagine dell’ordinanza del gip Paola Valeria Scandone, che il 3 maggio scorso firmò le 40 richieste di arresto per altrettanti presunti affiliati, gregari e capiclan di Marano e della cosca quartese denominata «Quelli della Montagna». « In particolare, all’attenzione dei pm della Dda e degli investigatori sarebbero finiti due episodi ricordati da un collaboratore di giustizia e confermati dalle intercettazioni. In una intercettazione ambientale del maggio 2009, infatti, Gaetano Montalto, indagato nell’inchiesta «Polvere» e ritenuto dalla pubblica accusa il gestore di fatto dell’impianto di produzione e distribuzione della società «Nuova Dipendenti Ca.Fa. 90» (ditta nata come ramo d’azienda dalla precedente società denominata «Ca.Fa. 90») riferisce ad un suo conoscente di un incontro avuto con un noto imprenditore edile di Quarto che si sarebbe lamentato della qualità del calcestruzzo prodotto e distribuito dalla cementiera sequestrata due anni fa e ritenuta, secondo le accuse da provare, nella piena disponibilità dei Polverino. «Quel solaio si sgretolava, ora il prezzo del calcestruzzo non è buono e il prodotto è ancora più “chiavica”. Io con quel solaio ancora oggi ho paura». Frasi choc, che lasciano ipotizzare scenari da brividi, «perché – si legge nell’ordinanza – Montalto allora dice con tono minaccioso all’imprenditore e “allora vai da qualcun altro”». Ma l’imprenditore edile quartese ha paura, teme la vendetta estorsiva e la reazione violenta dei Polverino al suo rifiuto e risponde: «Sì, e dopo che succede?». Forse, ipotizzano gli inquirenti, sarebbe accaduto ciò che avvenne nel novembre 2007: un altro imprenditore di Quarto fu gambizzato, per punirlo probabilmente per aver cambiato ditta di rifornimento del calcestruzzo usato per la realizzazione di due mansarde. Il costruttore decise di cambiare fornitore perchè quel cemento gli sembrava scadente, ma poi fu sparato a un piede. Gli inquirenti stanno ora passando al setaccio le forniture per la costruzione delle oltre 600 mansarde costruite a Quarto e Marano fino al maggio 2009 per capire se quegli imprenditori siano stati vittime di estorsioni, con l’imposizione non solo del cemento del clan, ma anche con il rischio che quei vani possano essere stati realizzati con materiale scadente e pericoloso.

Salvio Di Lorenzo

One Comment;

  1. Quartomondo said:

    “Dopo il sequestro, avvenuto la settimana scorsa, delle 16 abitazioni abusive che stavano sorgendo in modo illegale sulla collina tra Quarto e Marano,.. […]

    VI RIFERITE ALLA NOTIZIA CHE AVETE SCIENTEMENTE TACIUTO?

    Il resto lla storia è vecchio di ben due anni, quasi totalemnte taciuto e mai approfondito da Quarto Canale Web. Complimentoni per la colossale brutta figura e per la costante disinformazione che fate.

    L’intera storia, vecchia di anni, con TUTTI I NOMI ED I COGNOMI, è disponibile, colme sempre, nel forum del quartomondo, dove le notizie, gaurda caso, non vengono omesse e tutto viene scritto e commentato liberamente.

Comments are closed.

Top