IL SINDACO, SAURO SECONE RITIRA LE DIMISSIONI.

Oggi pomeriggio, Lunedì 3 Gennaio alle ore 19.00, nel corso di una riunione di maggioranza convocata dal sindaco dimissionario, Secone, in cui erano presenti il PD, l’UDC, SEL e qualche consigliere del gruppo misto si è chiesto al sindaco dimissionario di ritirare le dimissioni e di continuare questa esperienza amministrativa.

La riunione di maggioranza tenutasi oggi pomeriggio a partire dalle ore 19.00 si è conclusa con la richiesta, da parte di tutti i partiti partecipanti  del ritiro delle dimissioni da parte di Sauro Secone che, secondo quando previsto dalla legge, aveva tempo fino al 5 Gennaio prossimo per prendere questa decisione. Il sindaco dimissionario nell’aprire i lavori ha prospettato le linee programmatiche per il rilancio dell’amministrazione di governo cittadino.  I punti qualificanti da portare avanti sono: raccolta differenziata pronta a partire entro Gennaio 2011, approvazione convenzione stazione unica appaltante, approvazione iter burocratico per la realizzazione del nuovo distretto sanitario, percorso per l’apertura delle farmacie comunali, definizione linee guida PUC( Piano urbano comunale, ex piano regolatore generale) ed infine la definizione delle opere pubbliche a farsi attraverso l’attuazione del Piano Casa. Pare, che nel corso dell’incontro, non si sia parlato dell’elezione del nuovo presidente del consiglio comunale, peraltro previsto entro il 20 Gennaio prossimo, ma evidentemente questo sarà un altro scoglio che il sindaco dovrà superare all’interno del partito da cui proviene, il PD. Nei giorni scorsi, come sempre in questi casi, si è tenuto il toto presidente e sembra che l’unica o quasi possibile soluzione sia la nomina del consigliere Francesco Dinacci, sempre che quest’ultimo sia disposto ad accettare tale responsabilità che, vista la situazione non è certamente un compito ne facile ne agevole. Grande assente il consigliere Francesco Cangiano il quale ha già pubblicamente dichiarato che, nel caso Secone avesse ritirato le dimissioni, lui non avrebbe più appoggiato il sindaco dimissionario. Intenzione espressa anche dall’assessore Mimmo Tiseo che ha già detto a chiare lettere che le sue dimissioni saranno sul tavolo del primo cittadino nel momento che lo stesso avesse ritirato le dimissioni. Comincia con un bel rompicapo la nuova avventura della giunta Secone, vedremo come andrà a finire. Tutto quanto anzidetto sono soltanto indiscrezioni, l’ufficialità si avrà soltanto domani alle ore 12.00, ora in cui è stata convocata una conferenza stampa da parte del sindaco dimissionario per comunicare le sue decisioni in merito al ritiro o meno delle sue dimissioni.

Veronica Di Vita

9 Comments

  1. Quartomondo said:

    Gentile Milazzo, se chiude l’articolo dicendo che non vi è ufficialità nel ritiro delle dimissioni di Secone, forse farebbe bene a cambiare il titolo del pezzo, che appare perentorio e sicuro!

  2. QCWQCW said:

    Caro Quartomondo, il titolo in genere è frutto del corpo dell’articolo e come certamente hai letto non c’è l’ufficialità del ritiro ma è scontato il ritiro delle dimissioni, tanto è vero che per Martedi alle ore 12.00 è convocata la conferenza stampa proprio su questo argomento. Se così non fosse sarei stato chiamato per disdire la conferenza. Alla prossima Umberto Milazzo.
    P.S. E poi i titoli, come in tutte le testate giornalistiche serve per attirare l’attenzione dei lettori, tanto è vero che i titoli non li mette l’estensore dell’articolo, ma il titolista che si occupa, all’interno della redazione solo e soltanto di questo.

  3. Quartomondo said:

    Cortese Milazzo, non comprendo, ma rispetto quanto scrive.
    Spero che lei ricordi bene quanto il sindaco Secone, Sua Amarezza, le disse nella bella intervista da lei realizzata…il primo cittadino confermava le dimissioni perchè la sua maggiornaza non c’era più, perchè era stanco, perchè era (come da ruolo) amareggiato, perchè in consiglio gli parlavano di stupidaggini e non di cose importanti. Ricorda quando ha chiesto al sindaco se c’erano possoibilità di un suo rientro? Rispose che non se ne parlava. E riocorda quando gli ha chiesto se fosse vera la “malignità” che lo vedeva in contrasto con i consiglieri comunali, ovvero se fosse sotto minaccia? Sua Amarezza rispose, teatrale come sempre, “Io sono una persona seria!”

    L’abbiamo vista, la persona seria!

    Devo ringraziarla per quell’intervista, che consente di consegnare un documento storico sulla coerenza di Secone e che lascia comprendere meglio l’andamento dei fatti.

    Speriamo che il dottor Tiseo, mantenga la sua promessa di dimissioni, qualora Secone avesse ritirato le sue. A me le persone serie piacciono moltissimo.

  4. quartopotere said:

    MA NON E’ UNA COSA SERIA.
    Per Luigi Pirandello la vita «non è una cosa seria» che si possa risolvere con la logica. Quale logica si può cogliere in una voglia di potere fine a se stesso? Il mastice che lega Secone alla poltrona non é una cosa seria. La dichiarazione ferma e risoluta del sindaco, non é una cosa seria. Non é una cosa seria rinnegare le proprie parole. I cattivi di ieri sono i cattivi di oggi. Quartomondo ne ha ben donde di dire ciò che dice, lo obbliga il Secone col suo agire disperato. Non é una cosa seria pensare ad un Dinacci presidente del consiglio, ci vorrebbe un interprete per sordo – muti. Non é una cosa seria e Secone lo sa ma il potere attanaglia ed inebria. Ora ci vuole un atto di grande intelligenza politica. Secone, ti ho telefonato senza farti il mio nome, mi aspetto da te un atto coraggioso e serio: le dimissioni irrevocabili altrimenti, come dicono dalle nostre parti, sai quanti cuppetielli ti tireranno?
    P.S.
    Su Tiseo non ho alcun dubbio. Ecco, lui si che é cosa seria. Prendi esempio Sindaco Secone

  5. Francesco Cangiano said:

    Allora… adesso, come sapranno di certo tutti, è ufficiale: il Sindaco, l’amico Sauro Secone, ha ritirato le dimissioni e continua ad amministrare con la sua sgangherata maggioranza. Non è il momento questo per fare ulteriori commenti. Infatti questo breve scritto per confermare che neanche il breve incontro avuto con lo stesso Sauro è riuscito a scalfire le mie certezze, anzi sono ancora più convinto che l’unica strada giusta da intraprendere sia quella di dissentire con questa maggioranza cercando d’ora in poi di metterre in mostra le profonde divergenze che si muovono al suo interno.
    Dico questo con tanta serenità pur sapendo di essere oggi il perdente: il tempo dirà chi aveva ragione. Per quanto riguarda il Dott Tiseo, posso comunicare che ufficialmente non è più assessore del Comune di Quarto avendo egli protocollato le proprie dimissioni un attimo dopo la revoca delle dimissioni da parte del Sindaco. In questo caso il vero perdente è la città di Quarto tutta che si vede privata di uno dei pochi (!!) amministratori seri e competenti che abbia mai avuto, soprattutto negli ultimi anni, oltre che una persona degna della massima stima da parte di tutti. Quarto ancora una volta, purtroppo, si vede protagonista infelice di una triste vicenda come troppo spesso è accaduto nella sua pur breve storia.

  6. Quartomondo said:

    Finirà tutto nella direzione peggiore. Il presidente del consiglio boicottato, è un avvocato, e al suo posto, se ci va bene, arriverà uno strisciante e silenzioso yes man del PD…se ci va male un analfabeta buono solo a scaricare i pacchi di sigarette dal furgone alla tabaccheria.
    Abbiamo perso Raffaella Iovine, brava, laureata, indipendente e capace, per ottenere un soldatino senza alcuna esperienza o competenza,
    Adesso perdiamo Tiseo e chissà quale tamarro arriverà, giusto per accontentare chi tiene in vita Secone ed il suo baraccone fallimentare,

  7. Quartomondo said:

    Credo non sia sfuggito a nessuno, il “miracolo” della comunicazione aperta!
    E’ stato sufficiente che Quarto Canale riaprisse le porte al pubblico, per ottenere un interessante e vero sentimento medio. Trovo meraviglioso, inoltre, constatare che tra noi, l’unico politico rimasto SEMPRE, sia il signor Cangiano, mentre gli altri o sono fuggiti via a nascondersi (Secone e Lista) o non sono mai comparsi in scena (forse perchè non sanno scrivere).

  8. Mastinoquartese said:

    Con tutto il rispetto: già si sapeva. Secone manteneva la parola ? Non sia mai. Sedia, potere e tutto il resto rendono refrattari gli uomini

  9. frescobaldo said:

    E che dire il miracolo è avvenuto,Il dott. Secone finalmente a ritirato le dimissioni, quarto avra di nuovo un Sindaco, che bello ,pare che abbia presentato un nuovo programma elettorale , lo a stilato lui , con scadenze , punto per punto ,si parte dal 20 gennaio fino a febbraio , inoltre dice che se non si realizzera ciò che lui sostiene si torna a votare, in merito al Presidente pare che il Consigliere dei verdi Amirante , abbia comunicato la sua disponibilità a sostenere il Sindaco, inoltre a proposto Presidente del Consiglio Dinacci, A questo punto credo che il gioco della sfiducia del presidente sia chiaro , era orchestrato da Dinacci? in computta con il Principe , Amirante, e i consiglieri di opposizione , alla faccia dell’uomo di partito? oseri pensare salvo smentita , forse con l’avallo di Secone? eppure la politica e un arte nobile peccato che la fanno tutti, credo che anche questa situazione crei un problema per il rilancio della amministrazione e del nuovo o vecchio programma, io sono sfiduciato , non credo piu in questa classe politica , forse l’unico coerente e il dott. Cangiano,

Comments are closed.

Top