Giovane donna investita da un’auto, continuano gli accertamenti

La trentunenne di Quarto F. D. V. è ancora ricoverata presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli e resta sotto osservazione clinica, dopo essere stata investita giovedì scorso da una Renault Xsara, guidata da una maestra di Napoli, C.C. F. D. V. è stata investita mentre stava per attraversare la strada in via Domenico Catuogno, dinanzi il comando di polizia municipale di Quarto.

Proprio i vigili urbani sono stati i primi ad accorrere in soccorso della giovane donna, che si stava recando al lavoro, quando è stata letteralmente sbalzata in aria dalla Xsara, che ha frenato solo dopo il violento impatto. La donna, nel cadere a terra, ha sbattuto la testa contro uno dei paletti di ferro posizionati ai bordi della strada. La ragazza non ha mai perso conoscenza, ma il duro colpo e le amnesie di cui ha sofferto subito dopo il ricovero, hanno convinto i medici dell’ospedale di Pozzuoli ad emettere una prognosi che resta riservata.

La ragazza, infatti, non riesce a riconoscere nemmeno i parenti che in questi giorni sono andati a trovarla e per questo motivo è stata sottoposta ad una serie di analisi, ad una tac e ad altri accertamenti, in modo tale da poter escludere ogni complicazione.

Resterà in osservazione per altri tre o quattro giorni, ma intanto si riflette sull’accaduto: l’incidente fa scattare le polemiche per la troppa insicurezza di molte strade urbane di Quarto, dove spesso non sono presenti marciapiedi adeguati, mancano le strisce bianche per l’attraversamento pedonale e ci sono tante buche e piccole voragini, che sono state anche la causa di incidenti stradali da parte di centauri.

Numerose segnalazioni sono giunte anche al comando vigili urbani di Quarto e all’ufficio tecnico comunale, che adesso dovranno intervenire quanto prima.


Francesca Galasso

One Comment;

  1. ERBAVVELENATA said:

    Come sempre bisogna aspettare che ci scappi il ferito, se non peggio, per far aprire gli occhi su situazioni che stanno li da sempre. Quell’incrocio è uno dei più pericolosi, con una curva cieca dove i pedoni sono quelli più a rischio. Basta guardare intorno: via vaiani senza marciapiedi, addirittura confinata da un lato da filo spinato (fatto presente su questo forum da tempo immemore); una strada dove gli studenti devono destraggiarsi tra auto, pozzanghere, auto contromano,filo spinato. Mi fanno morire quelle cose tipo….il sindaco dei ragazzi…la giunta comunale dei ragazzi….ma per favore, non prendiamo in giro i nostri ragazzi, meriterebbero ben altro che spot elettorali di questo tipo.

Comments are closed.

Top