E’ UFFICIALE SINDACO SECONE RITIRA DIMISSIONI MA….. SE ENTRO IL 5 FEBBRAIO NON SI REALIZZA IL PROGRAMMA STILATO ALLORA SARANNO IRREVOCABILI.

Affollata conferenza stampa stamani nella stanza del sindaco dimissionario Sauro Secone, il quale ha illustrato, ancora una volta, il suo programma di governo cittadino per il rilancio di questa amministrazione, non nascondendo che ci sono ancora delle difficoltà interne alla maggioranza. Ma ascoltiamo i particolari in questa intervista rilasciata al direttore Umberto Milazzo

11 Comments

  1. Quartomondo said:

    Certo. Credendo a Babbo Natale ed alla Befana, si può credere anche al Secone. Perché no?
    Raccontò le stessa cacchiate, quando, in occasione del rimpasto e dell’inchiavicamento con le prostitute del centro, disse che aveva fatto un piano preciso e con precise scadenze! Aggiunse che se non avesse rispettato il suo stesso piano, si sarebbe tolto dalle palle…è rimasto al suo posto allora, ha ritirato le dimissioni oggi e chissà cosa si inventerà domani.

    Viva la gente seria, come Cangiano e come Tiseo!

  2. quartaginese said:

    E’ andata a scuola da Berlusconi, parla come lui, solo promesse, e chiacchiere. E’ tutto chiacchiere e distintivo. Alle prossime dimissioni, cioe’ tra poco

  3. Quartomondo said:

    Il parallelismo tra i due è evidente. Quello più basso dice che avrà tutti i voti entro gennaio, mentre quello pelato ed amareggiato, dice che a breve riuscirà a fare quello che non è stato capace di fare in tre anni e mezzo.

    Viva Cangiano, Viva Tiseo, Viva Iovine

  4. catonedomenico said:

    Cari lettori, aspetto il programma per poterlo valutare, certo grandi parole “incantesimali”, gli lascio un po di tregua. Come al solito sfugge dal PIP, e dice che non ci sono soldi pubblici, Forse ha perso il finanziamento fatto ottenere dal conzorsio al Comune o non hanno capacità finanziaria a prenderli, Politicamete e per la città sarebbe un fatto gravissimo. Speriamo che la mia sia solo una ipotesi. E spetta al Sindaco chiarire. Cordiali Saluti Catone Domenico.

  5. quartaginese said:

    Mi associo a Quartomondo, fino a mo sono le uniche persone coerenti
    Viva Cangiano, Tiseo e Iovine
    Però viva pure noi perchè ancje noi siamo coerenti

  6. Antonio Iovine said:

    Intervengo per la prima volta, mi ero imposto il silenzio, per carità di patria e per appartenenza ad un centro sinistra riformista, a cui credo ma che non ha avuto fortuna (diciamo cosi) nella nostra povera Quarto, perchè la misura è colma…sentiamo queste parole da 4 anni ad una prima riunione affollata, a suo tempo, avuta 3 mesi dopo le elezioni esattamente gli stessi concetti…
    Ma quando ieri due amici, si stavano per azzuffare, pensando alla strada in cui giacciono i rifiuti da oltre 10 giorni ed un altra in cui in qualche modo risultava leggermente migliore…ho capito che siamo veramente messi male…
    Allora per quei pochi che mi conoscono, possibile che Mugnano comune di 35.000 abitanti, con un sindaco eletto nella primavera di quest’anno, ci faccia lezione sulla raccolta differenziata mentre Quarto va elemosinando a destra e a manca e ci facciamo notare solo su Striscia la Notiza?
    Per chi vuole erudirsi lascio alcuni articoli che si trovano in rete, mentre personalmente spero insieme a qualche consigliere comunale e tanti cittadini di poter chiedere collaborazione all’amministrazione di Mugnano che possa darci una mano ad illustrarci come hanno fatto, vista la nostra incapacità dimostrata nei fatti…Questo è solo sulla raccolta, spero di poter dare ulteriori contributi alla comune riflessione anche sugli altri argomenti…

    Il comune di Mugnano in pochi mesi ha superato la soglia del 50 per cento, aggiudicandosi anche un premio. L’Amministrazione è stata, infatti, premiata ad Avellino da Legambiente per i risultati raggiunti con la Raccolta Differenziata. “Da Legambiente sono entusiasti dei risultati raggiunti a Mugnano, se continuiamo così l’anno prossimo saremo i primi in Campania” – ha commentato il primo cittadino Giovanni Porcelli – tiamo studiando un sistema che a breve ci permetterà di scontare le bollette per l’anno prossimo a tutti i cittadini che fanno bene la raccolta. Purtroppo quest’anno per scelte che non dipendono dall’Amministrazione che guido i Mugnanesi hanno subito un aumento della Tarsu ma dall’anno prossimo oltre ad avere una città pulita i miei concittadini avranno anche bollette più leggere”.

    Mugnano. L’orgoglio dei Mugnanesi ha fatto la differenza nel mese di ottobre abbiamo raggiunto il 60% di raccolta differenziata. La nostra città nel momento più buio dell’emergenza per la Provincia di Napoli ha dimostrato che una speranza c’è e lo ha fatto senza miracoli o spese extra ma solo grazie all’aiuto di tutti: cittadini, operai, dirigenti e di tanti volontari.” Così il Sindaco di MugnanoGiovanni Porcelli ha introdotto la conferenza indetta per rendere pubblici i dati sulla raccolta porta a porta che attestano Mugnano al 57%.
    “Siamo fieri di questa città, alla commissione Ue dico di venire anche a Mugnano e di verificare la differenza tra Napoli e questo territorio” ha dichiarato la Dott. Mariella Maffini della Protezione Civile Nazionale che è stata partner del progetto. Il modello Mugnano ha addirittura valicato i confini nazionali e grazie all’opera del Conai è stato presentato in una conferenza a Londra: “Agli inglesi i casi di Mugnano e Salerno sono apparsi interessantissimi” ha spiegato il Dott. Fabio Costarella del Conai. Il servizio infatti è partito in tutta la città solo dal 5 ottobre e in via sperimentale da giugno, in pochi mesi il Comune alle porte di Napoli è riuscito in questa impresa anche grazie ad un ottima sinergia con la ditta come ha testimoniato Giovanni Ferrara direttore della Sa.Gi.
    “Con il Sindaco e l’Amministrazione ci siamo capiti subito, loro volevano efficienza e noi volevamo far lavorare al meglio gli operatori garantendo stipendi regolari e turni precisi, ci siamo riusciti e questi sono i risultati”. Felice per aver centrato l’obiettivo anche Antonio Baldassare che ha coordinato un pool di decine di volontari che hanno distribuito i kit casa per casa dando informazioni alla città. “In questi giorni già siamo partiti con la fase 2 i nostri Consiglieri Comunali sono già in giro per le scuole per parlare con i ragazzi dell’importanza della differenziata capeggiati dal PresidenteGennaro Mastromo mentre con la Polizia Municipale stiamo stringendo il cerchio ottono a chi ancora non vuole rispettare le regole” ha concluso il Sindaco Porcelli. Durante la Conferenza è stato presentato anche un questionario che nei giorni scorsi è stato somministrato ai cittadini per migliorare il servizio.
    Il 16 dicembre il Comune sarà premiato come “Reciclone” e per lo stesso mese è intenzione dell’Amministrazione organizzare un evento per festeggiare l’alta percentuale in compagnia dei calciatori Migliaccio e Palladino originari di Mugnano che sono stati i testimonial della campagna di comunicazione che recita “I nostri ragazzi sono campioni dello sport. Dobbiamo essere i primi anche nella differenziata”. Dati alla mano l’invito è stato onorato dai Mugnanesi.

  7. frescobaldo said:

    pero da un grosso contributo alla risoluzione dei problemi polici locali, Io credo che il merito della risoluzione della crisa debba andare all’asse Secone e Dott. Brusco segretario particolare del sindaco il qualè a mio giudizio a fatto un ottimo lavoro una persona che con umiltà lavora nell’ombra il qualè non piace apparire , speriamo che da adesso in poi qualcosa cambi in meglio spero , con serenità aspettero i primi di febbraio visto che la politica locale e fatta di annunci e di smantite a presto?

  8. ANALISTA said:

    ” SINERGIE” e ” COLLABORAZIONE” sono semplici parole del nostro vasto vocabolario della lingua Italiana, a volte sono usate ed abusate in modo improprio , ma alla quasi totalità dei nostri amministratori , consiglieri e ” psudopolitici” sembrano vocaboli ostrogoti oppure al di fuori della loro cognizione.
    Noi quartesi abbbiamo dato dimostrazione di volere essere i primi della classe in tutti i sensi.
    Noi cittadini “dormienti” non abbbiamo ” schiena eretta” come diceva un nostro illustre compatriota l’ex Presidente Ciampi, e questo rammollimento non fà altro che dare spazio alle intemperanze distruttive di questi politicari.
    Iovine dice bene, che il comune limitrofo di Qualiano stà ottenendo dei buoni risultati sul piano della vivibilità complessiva e come giustamente ,egli, ci ricorda tutti sono impegnati a diffondere e fare in modo che i cittadini siano eruditi sugli obbiettivi che l’amministrazione si era prefissato.
    Assessori , consiglieri, personale in staff, e consiglieri vari , si prodigano a tale scopo e quando si lavora in sinergia i risultati si vedono.
    Invece cosa fanno i nostri pseudopolitici, psudoconsiglieri, pseudicollaboratiti e pseudostaffisti?
    Sono tesi a tessere tele di complotti , tentano in tutti i modi di estrarre da qualsiasi opportunità qualsiasi stilla di tornaconto personale. Li vediamo sfaccendare da mane a sera dentro e fuori delle stanze dell’amministrazione a ciarlare, sorbire caffè e fare riunioni “carbonaresche” nei principali caffè cittadini , fare fotocoopie negli uffici comunali, e fare favoritismi per gli amici.
    Caro Iovine la situazione attuale viene da molto lontano ed oggi è molto facile dire ” io l’avevo previsto”, ma le responsabiltrà sono anche di coloro che hanno occupato posizioni di responsabiltà nelle sedi competenti.
    Noi cittadini dormienti, abbiamo bisogno di respirare aria pura e pulita e sicuramente alcuni personaggi che circuiscono in un ambiente nebbioso la persona del Sindaco , con falsi consigli ,rendendo l’aria sempre più putrida ed irrespirabile..
    Cosa ci rimane adesso? un senso di smarrimento e capisco appieno la decisione di Cangiano a Tiseo, anche se noi cittadini ci aspettiamo sempre una loro presenza attiva.
    I 30 gg. che il Sindaco ha dato come ultimatum non creeranno sicuramente le condizioni per elevare di tono e qualità i nostri pseudopolitici quartesi. Purtroppo , essi , si sono abbeverati, per lustri interi ,da quei cattivi maestri che purtroppo oggi giorno sono sempre a condizionare le scelte porgrammatiche e le nostre VITE.

  9. Eric58 said:

    Abbiamo preso atto di questa ennesima manfrina degna del palcoscenico di una politica tanto squallida a livello nazionale quanto miserevole a livello locale.
    Il nostro Sindaco ex-dimissionario parla di progetti fiabeschi che sono mille miglia lontani dalle più elementari esigenze di chi , come noi , ebbe la dabbenaggine di prendere casa in questo dannato paese . Viviamo ormai da tempo immemorabile tra strade che fanno pubblicità al formaggio groviera , sormontati da immondizia . Con l’aggravante terrificante di vedere alcune zone del paese , guarda caso , quelle centrali , quotidianamente ripulite mentre quelle un pò più periferiche (in gli abitanti hanno speso centinai di migliaia di euro per acquistare abitazioni e villette in zone qualificate residenziali , con la conseguenza di pesantissime imposte per lo smaltimento dei rifiuti ) abbandonate nella monnezza e nel degrado più totale .
    Il comune di Quarto è stato destinatario da parte mia di decine di segnalazioni in tal senso .
    La situazione non si è mai modificata .
    Sono solidale con le scelte di Cangiano , Tiseo e Iovine e confido nella loro coerenza.

  10. Quartomondo said:

    Hai ragione, Eric58.
    La tua situazione ed il tuo pensiero, sono molto simili a quelli di migliaia di persone che dormono a Quarto Flegreo (vivere a Quarto Flegreo è una frase priva di senso).
    La salvezza, forse, passa anche per unire le forze e combattere contro la cricca e la lobby che governano Quaurto Flegreo.

  11. Francesco Cangiano said:

    Non sapevo dove aggiungere questo post che più che un commento è un documento pubblico che voglio far conoscere ritenendolo molto importante. Mi è sembrato questo il post migliore per motivi che credo ovvi. In effetti ho letto spesso della mancata conoscenza di dati inerenti le casse comunali da parte di molti amici (e concordo con chi dice che leggere un bilancio è estremamente complicato), per cui spero di fare un utile servizio.
    Devo complimentarmi con il ragioniere capo che ha reso abbastanza semplice “leggerne” almeno uno spaccato. Si tratta di una previsione di spese e di entrate del Comune per il 2011. Mi astengo dal fare commenti approfonditi lasciandolo fare a chi ha voglia e pazienza di leggerli attentamente. Non posso però non far notare due aspetti.
    Il primo riguarda i “guai” che il federalismo, che stanno portando avanti nel governo, porterà a comuni come il nostro: già si parla di un ulteriore taglio dell’11% dei finanziamenti statali.
    Il secondo è inerente i “costi della politica” qui nel nostro comune: tra assessori, staff, consiglieri comunali si sfiora la cifra di 400000 euro (e tale cifra è quasi certo al ribasso trattandosi di una previsione). Quasi un dodicesimo di tutto il disavanzo previsto: forse davvero una spesa esagerata.
    ___________________________
    Quarto 05.01.2011 Oggetto: Monitoraggio delle spese.

    In ottemperanza a quanto disposto dalla legge 102/2009, dopo un attenta verifica tra le riscossioni ( residui + competenza) per entrate correnti pari ad E 20.654.106,21 e gli impegni di spesa assunti alla data odierna pari ad E 22.455.416,16 risulta un disavanzo di cassa pari ad E 1.801310,04.
    Si fa presente che presso questa sezione sono pervenute ulteriori determinazioni di spesa ammontanti ad E 1.347.470,27 per l’ attestazione di copertura finanziaria e di cassa sull’esercizio 2010. Trovandosi già l’ente in una situazione di disavanzo di cassa la suddetta spesa non può essere garantita in termini di cassa, entro i termini di legge;
    A questa situazione così drammatica si aggiungono le novità per il nuovo anno 2011, così come già previsto in sede di finanziaria estiva in concomitanza con l’approvazione del decreto per il federalismo fiscale , gli enti locali subiranno un taglio sui trasferimenti in misura dell’11 %. La notizia pubblicata sul sito del ministero del taglio al Comune di Quarto pari ad E 872.677,99 per l’esercizio finanziario 2011.
    Per consentire l’assunzione di impegni di spesa secondo quanto previsto dall’art. 9 della legge 102/09 ,si informano le SSIL. che la programmazione in termini di cassa si attesterebbe per l’anno 2011, sulla scorta dell’andamento dell’anno trascorso intorno ad E 19.781.428,00 che già allo stato non si riesce ad assicurare la relativa copertura di cassa delle seguenti spese per un ammontare di E 20.767.516,29 ( esclusi gli impegni per E 1.347.470,27 e le liquidazioni in essere alla data odierna):

    Personale E 5.218.000,00
    Irap E 350.000,00
    Indennità di carica amm.ri E 220.000,00
    Indennità di presenza Consiglieri E 20.000,00
    Oneri finanziari assenza lavoro arnm.ri E 150.000,00
    Spesa per Collegio Revisori E 54.000,00
    Spesa per Nucleo valutazione E 46.137,00
    Mutui E 2.885.000,00
    Convenzione igiene urbana E 4.350.000,00
    Smaltimento in discarica E 1.700.000,00
    Transazione eni-acqua E 1.200.000,00 fino ai 2009
    Liquidazioni eni acqua ( Idropotabile e reflue) E 1.281.216,29 anno 2010
    Spese per consumi idrici E 900.000,00 anno 2011
    Spese per depurazioni e reflue E 400.000,00 anno 2011
    Transazione Arciconfraternita E 200.000,00
    Spese per specialistica fino a giugno E 125.000,00
    Spese per minori in istituto E 784.000,00
    Spese per affido E 37.000,00
    Spese per assistenza e manutenz. Hardware E 80.000,00
    Spese software 35.000,00
    Trasporto Urbano E 250.000,00
    Spese postali E 95.000,00
    Spese Energia elettrica E 465.000,00
    Spese telefoniche E 151.000,00
    Spese per manutenzioni automezzi E 11.000,00
    Spesa per compenso tesoreria E 50.000,00
    Spese per interventi vari economo E 10.000,00
    Assicurazioni autoveicoli E 16.900,00
    Aggio e riscossioni entrate E 100.000,00
    Fitti passivi E 100.000,00
    Spese per riscaldamento E 224.500,00
    Trasferimenti Provincia su tarsu E 264.763,00
    Spesa libri di testo a carico ente E 82.000,00
    Spese per liti ( convenzioni) E 175.000,00

    Inoltre, risultano liquidazioni sospese dal mese di ottobre 2009 al mese di dicembre 2010 per un ammontare di circa 4.367.842,01 che, sommate agli impegni 2010 non ancora perfezionati per E 1.347.470,27, ammontano ad E 5.715.312,28.

    In sintesi la situazione che si prospetta nell’esercizio 2011 è la seguente:
    Entrate previste ( cassa) E 19.781.428,00
    Spese obbligatorie e consolidate E 20.767.516,00
    Ulteriori Impegni 2010 e liquidazioni E 5.715.312,28
    Disavanzo E 6.701.400,57

    Si resta in attesa di determinazioni in merito, significando che la presente riveste carattere d’urgenza.

    IL CAPO SEZIONE
    ECONOMICO FINANZIARIA
    Giovanni Orlando

    ______________

    a voi commenti ed eventuali suggerimenti da poter portare eventualmente in consiglio comunale.
    Forse però, in una simile situazione economica sarebbe il caso di volare un pochino più bassi.

Comments are closed.

Top