DISCARICA NELLA CAVA DI QUARTO: NO BIPARTISAN. SINDACO SECONE CONVOCA PER DOMANI 25 GENNAIO, CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO ALLE 10 E SOTTOLINEA: «E’ UN’IDEA FOLLE, NELLE CAVE SI E’ SVERSATO DI TUTTO IN QUESTI ANNI E CI SONO INCHIESTE IN CORSO. DOVEVA SORGERE UN SANTUARIO DELLA CURIA E ADESSO CI FANNO UNA DISCARICA».

Il presidente della provincia Luigi Cesaro conferna al sindaco Secone la localizzazione di una discarica a Quarto in una delle cave di Via Spinelli che sarà attiva già nelle prossime settimane.    “Il sindaco, la giunta comunale, l’intero Consiglio comunale e soprattutto 40mila cittadini di Quarto dicono in modo convinto e netto No alla discarica”.

«Il sindaco, la giunta comunale, l’intero Consiglio comunale e soprattutto 40mila cittadini di Quarto dicono in modo convinto e netto No alla discarica». E’ il testo dei manifesti e mega striscioni che saranno affissi nella cittadina flegrea dopo l’incontro avuto questa mattina dal sindaco Sauro Secone con il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, nel corso del quale il presidente Cesaro ha confermato al sindaco che sarà localizzata nella zona delle cave di via Spinelli a Quarto, al confine con la zona di via Reginelle di Monterusciello, una discarica che sarà attiva nelle prossime settimane. «Ho riunito d’urgenza tutti i consiglieri comunali e da loro ho avuto il pieno mandato di esprimere il nostro netto rifiuto alla discarica a Quarto, senza se e senza ma – sottolinea il sindaco Sauro Secone – Qui non ci sono appartenenze politiche o sigle di partito. Il nostro è un rifiuto netto bipartisan, che non guarda al colore politico, ma solo al futuro dei 40mila cittadini di Quarto, già colpiti in passato dalle discariche di Contrada Pisani, della zona di Giugliano e dagli sversamenti abusivi che per anni si sono concentrati nelle cave di via Spinelli. Da quando sono stato eletto sindaco, nel 2007, ho immediatamente chiesto all’allora prefetto di Napoli, Alessandro Pansa, di istituire un Tavolo permanente per il monitoraggio e la bonifica ambientale delle cave, tra l’altro alcune di esse anche sottoposte a sequestri penali da parte della magistratura per presunti sversamenti di rifiuti tossici e altamente nocivi. Adesso, dopo tutto quanto accaduto in passato, con una scelta illogica e contestabile sotto tutti i punti di vista, si decide di far morire un intero territorio che, com’è fatto, mal si presta ad ospitare una discarica». Tutti i partiti politici che siedono nel Consiglio comunale, Pd, SeL, Idv, Verdi, Udc, Udeur, Pdl, Fli e rappresentanti del Gruppo Misto hanno dato pieno mandato al sindaco Secone di esprimere al presidente Cesaro il netto diniego di Quarto. Domani mattina alle 10 ho convocato un Consiglio comunale straordinario e urgente, per decidere insieme alla cittadinanza, ai movimenti civici, alle associazioni, alle forze sociali e imprenditoriali e alle forze sindacali le prossime tappe di questa lotta contro la discarica – continua Sauro Secone – Nel pieno rispetto della legge, faremo sentire forte la nostra voce unica di dissenso, con una protesta pacifica, ma ferma nei toni e nei modi. Una protesta civile per far capire che Quarto ha già dato, in passato, subendo le nefaste conseguenze della discarica di Pisani e dello sversamento abusivo e senza regole di materiale tossico e pericoloso, come accertato anche da alcune inchieste della magistratura. Tra l’altro, c’è un progetto di riqualificazione della zona, con la localizzazione di un santuario della Curia di Pozzuoli e, invece, dovremo subire la localizzazione della discarica».

21 Comments

  1. marisa said:

    E’ urgente e indispensabile che si mobilitino tutti i cittadini! invito le associazioni tutte ad unirsi ed organizzare presidi, manifestazioni e quant’altro. E’ un fatto che riguarda tutti, destra sinistra centro, è un fatto che abbraccia interessi collettivi e individuali, oltre naturalmente il grave pericolo per la salute pubblica che deve andare in primo piano. E’ in pericolo lo sviluppo della città, la sua vivibilità, il deprezzamento degli immobili acquistati con fatica e sudore da impiegati e operai. Il centro commerciale sarà sicuramente ridotto a una cattedrale nel deserto perchè certamente nessuno più verrà a spendere in un luogo puzzolente! Si perderanno centinaia di posti di lavoro in cambio di degrado, abbandono e malattie. E pensare che solo qualche mese fa si parlava della possibilità che Quarto rientrasse nei programmi del Forum Universale delle Culture!!!! Ma quanto se ne può fregare Cesaro della Cultura, della salvaguardia dei beni archeologici e dello sviluppo di una città di 40 mila abitanti! E’ solo impegnato a rispondere al suo capo per togliere la munnezza dalle strade. Ma la cava individuata è piccola, basterà per 5 o 6 mesi, e dopo? A noi rimarrà la monnezza e la puzza e si dovrà correre a cercare un altro sito. Intanto la città sarà stata tagliata fuori da ogni possibilità di crescita e di sviluppo. Cittadini, mobilitiamoci, impediamo questo ulteriore scempio di un territorio già ampiamente abusato!!!!

    • tata61 said:

      prego leggere con attenzione il Mattino di oggi nella parte che riguarda Napoli, c’è un ampio articolo, peraltro anticipato già qualche giorno fa, sul piano per il recupero di Napoli: Mergellina, Pompei, zona est, Stadio San Paolo (quindi Fuorigrotta) e di conseguenza la zona Nord sversatoio di immondizia, percolato (come già avvenuto neigli anni passati) ora il piano è chiaro, stiamo attenti!

  2. Quartomondo said:

    Adesso Sua Amarezza, il sindaco Secone, prenderà subito la palla al balzo, per organizzare decine di sceneggiate e pagliacciate varie, volte a recuperare quello che resta della sua “immagine”.
    Hai visto mai che facendo il Masaniello, facendosi fotografare mentre si stende davanti ai camion ed alle ruspe, non possa essere di nuovo rieletto, riconfermato, promosso?
    Scusate il cinismo, ma da un sindaco serio mi sarei aspettato, almeno, di conoscere certi fatti per tempo, e non dopo il week end (Sua Amarezza aveva annunciato la riunione a porte chiuse prima del fine settimana).

  3. quartesedoc said:

    MA INVECE DI DIRE CAZZATE ,CHE SOLO QUESTO SAI DIRE ATTIVATI COME CI ATTIVIAMO TUTTI I CITTADINI PER PRESIEDERE LE CAVE …BASTA CON QUESTE POLEMICHE STERILI

  4. Quartomondo said:

    Quartesedoc, caro, prendi un calmante e sciaquati la bocca. ma che modi sono?

    • quartesedoc said:

      e cavolo in un momento cosi’ serio ti metti a fare polemiche inutili , adesso chi vuole bene a questo paese che sarà pure di merda come dici tu bisogna agire e basta dando suggerimenti aggregandosi ad altri cittadini uniamoci contro questa decisione scellerata della provincia, la nostra città non puo’ sopportare un peso cosi’ grande la discarica a Quarto sarebbe la fine ma ci rendiamo conto che siamo in una conca e che cavolo

  5. marisa said:

    evitiamo di fare sterili polemiche. La situazione è grave, per tutti. L’unica cosa da fare è cercare una soluzione, quale che sia: è un sito archeologico, è già contaminato, è piccolo, è irraggiungibile, si trova in una conca, c’è una falda acquifera…..impegniamoci tutti a trovare un motivo valido da opporre alle decisioni della Provincia, cerchiamo strade legali, insomma attiviamoci con le nostre conoscenze, le amicizie di tecnici specializzati per evitare che si possa andare avanti in una decisione scellerata.

  6. Quartomondo said:

    Io passo le mie considerazioni e tu non hai alcun diritto di insultarmi o di dirmi cosa devo o non devo scrivere. Tu ti devi attivare? Fallo, ma sii cortese questo tono e quelle parole rivolgile a persone della tua famiglia o che hanno confidenza con te.

  7. falco said:

    Vicenda davvero incredibile!!! Dopo il cemento anche la discarica!
    Concordo con quanti sostengono che è l’ora dei fatti e non delle chiacchiere!
    Va riconosciuto al Comitato antidiscarica (ed in particolare a Raffaella Iovine) di aver avuto lungimiranza e non aver smobilitato neanche dopo le false rassicurazioni dei giorni scorsi.
    Sono con tutti quelli che pensano e organizzeranno la “resistenza” contro questo ennesimo atto violento ai danni di Quarto, anche se distinguo tra vittime e complici.

  8. Quartomondo said:

    A Quarto Flegreo è facile separare i fetenti ed i ruffiani dalle persone serie. Non è un caso che Raffaella Iovine sia stata sempre osteggiata dai politicari locali, ed in particolar modo da Sua Amarezza, il sindaco Secone. Purtroppo per una Raffaella Iovine, ci sono almeno 50 fetenti/complici e d almeno 500 chiachielli chiacchieroni, pronti a salire sul carro più populista.
    La brava Raffaella, che non soffre di strane amnesie, ricorda certamente chi è rimase quale SOLA ed UNICA voce in sua difesa ed a suo supporto. L’unica fonte informativa che l’ha supportata e che tuttora pubblica le sue “lettere alla cittadinanza”, è stato, ed è tuttora, il forum del quartomondo. Altro che i chiachielli dell’ultimo minuto.
    Ciao Raffaella.

  9. ERBAVVELENATA said:

    Per combattere contro questa scellerata decisione non è sufficiente dire che siamo contro la discarica. Al Comune iniziassero a fare azioni serie se ne sono capaci. Non mi risulta che sia stata fatta una VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE; limitarsi a dire che “doveva venire una curia…” è un argomentazione sterile che non porta da nessuna parte. Bisogna rivolgersi a consulenti tecnici per dimostrare le motivazioni, e sono tante, che fanno di quei luoghi dei posti improponibili per una discarica. Quindi il Comune facesse la sua parte con documentazioni scritte da sottoporre alla Procura della Repubblica. Noi cittadini faremo la nostra.

  10. catonedomenico said:

    Caro ERBAVVELETATA, purtroppo questa amministrazione ed i tecnici sono incapaci e anche i legali che usano, purtroppo adesso io sono preoccupato, le mie informazioni confermano tutto ed il decreto legge fatto serve per superare le limitazioni di legge. Abbiamo Subito messo grandi manifesti per tenere attenzione alta. Purtroppo i manifesti non servono, serve solo una forte azione legale contro il decreto legge. Purtroppo non so se i legali del comune sono all’altezza data la mia personale esperienza negativa avuta con questa amministrazione. Comunque io dico un no alla discarica e con i miei amici continueremo a essere attivi come abbiamo sempre fatto. Catone Domenico.

    • ERBAVVELENATA said:

      Se il decreto supera le deroghe bisogna fare un ricorso al TAR. Per fare un ricorso al TAR bisogna argomentare le motivazioni che solo tecnici possono produrre, consulenti di prestigio, giusto per non rimanere nel vago il Comune può chiedere il parere del dott. Marfella, oncologo del Pascale di Napoli, che con le sue valutazioni epidemiologiche contribuì non poco a far desistere alla riapertura della discarica di Pianura. Se mi consenti una cosa la vorrei aggiungere: qual’è il peso dei politici di Quarto visto dalla Provincia o dalla Regione? Sai bene la risposta. Giorni fa qualche politico di cui non ricordo il nome diceva che aveva parlato “personalmente” con il governatore della regione, aveva avuto rassicurazioni che Quarto non era compresa nella lista. Ebbene, dopo una grezza di questo tipo le dimissioni sarebbero state un atto dovuto.
      Io sono pronto a venire fuori le cave, ma solo il presidio non serve a nulla, vedi Chiaiano.
      Parallelamente bisogna agire per vie legali, se riesco a procurarmi la mail dell’eurodeputata a Strasburgo lo comunico qui e scriviamo tutti; ma bisogna portare argomentazioni tecniche e scientifiche altrimenti manco ci prendono in considerazione.
      Ciao a tutti

  11. Quarto anch io said:

    Quante chiacchiere venite alle cave alle ore 16,00 là ci gurderemo in faccia e metteremoin oiedi inizziative con il concorso di tutti,in questo momento la cosa più stupida è quella di dividrci,solo se restiamo uniti;noi cittadini ,le associazioni,tutti gli abbitanti di Quarto forse riusciremo a fermare questo carrarmato che ci stanno buttando addosso,a tutti voi chiedo PARTECIPAZIONE e BASTA CON IL FUMO.

  12. Quartomondo said:

    Please, write in Italian, or maybe in English or French … unfortunately, your writing is incomprehensible!

  13. quartaginese said:

    QUARTO ANCH IO
    nun all’ave proto idea i che so lapostrofe, ‘o taliane e tutt addormentina. Ma chisto e o nun e da scola anno zero? accussì perd e cliente o gnurantone!.
    GIGO (Garbage In, Garbage Out) cioé Spazzatura Dentro, Spazzatura Fuori.
    Statte buò Martinelli.

  14. carlo said:

    COME FARE PER AVERE LA DISCARICA A QUARTO AL 100% con due semplici mosse:
    1) Sfiduciare il sindaco
    2) Aspettare che si insedi un commissario mandato dal governo (di centrodestra) e nel frattempo ci troveremo la discarica (voluta da cesaro di centrodestra)CESARO=BERLUSCONI=PDL=DISCARICA A QUARTO…
    …10 E LODE AI 17 CIALTRONI IN CONSIGLIO COMUNALE!!!!!
    se si fa la discarica a quarto…
    INVITO TUTTI I CITTADINI DI QUARTO A PORTARE LA MUNNEZZA A CASA DEI 17 POLITICARI VENDUTI E SENZA VERGOGNA CHE HANNO MANDATO A CASA IL SINDACO..IN UN MOMENTO IN CUI CI VOLEVA UNA COSA SOLA: COESIONE POLITICA…SENZA COLORI!!!!!!

Comments are closed.

Top