CRISI POLITICA. MAGGIORANZA COMPATTA NEL CONTINUARE QUESTA ESPERIENZA AMMINISTRATIVA, MA…

“Questa amministrazione deve andare avanti fino al termine della consiliatura”. Ad affermarlo i rappresentanti dei partiti Pd, Udc, Sel e Fli, che si sono incontrati per discutere della crisi politica. Una maggioranza stabile e non variabile a seconda degli argomenti da votare.

Come annunciato nei giorni scorsi, a seguito del ritiro delle dimissioni da parte del sindaco, si riuniscono tutti i partiti (Pd, Udc, Sel e Fli), i quali, secondo quanto  dichiara il capogruppo del Pd Gennaro Esposito, “ sono concordi nel ritenere che questa esperienza amministrativa deve andare avanti fino al termine della consiliatura prevista per il 2012. Il “ nuovo “ programma di governo presentato dal sindaco, nel corso di una conferenza stampa è stato condiviso, ma senza l’assillo della data del 5 Febbraio prossimo per attuare e realizzare quanto proposto dal primo cittadino. I rappresentanti dei partiti hanno ribadito che questi e soltanto questi devono essere i partiti che devono sostenere l’amministrazione Secone e non una maggioranza variabile a secondo degli argomenti da votare in seno al consiglio comunale”. Come a dire che ognuno deve stare al suo posto, la maggioranza fa la maggioranza e l’opposizione deve svolgere il ruolo che le compete. A parole, quindi, la maggioranza serra le file, ma non mancano certo le difficoltà a partire dalla approvazione del nuovo distretto sanitario. Tutti, ci dice ancora il capogruppo del partito democratico, sono assolutamente consapevoli dell’importanza della realizzazione del nuovo distretto sanitario, ma ci sono dei grandi distinguo su come si presenta adesso il progetto “. Diversi consiglieri vorrebbero apportare delle modifiche ma pare che non ci sia l’unanimità di consensi, per cui il sindaco dovrà trovare una sintesi se e come effettuare eventuali modifiche al progetto attuale. Nel corso della riunione si è poi discusso anche di come “ recuperare “ il consigliere Franco Cangiano che ha deciso nei giorni scorsi di non appoggiare più questa maggioranza. Il consigliere, dichiara ancora Esposito, “ ha votato fino ad oggi tutti gli atti proposti da questa maggioranza dando un fattivo contributo, pertanto riteniamo che sia utile e necessario che egli ritorni sulla sua decisione e continui a far parte di questa maggioranza. Faremo, quindi, tutto il possibile, così come faremo il possibile per far si che l’ex assessore alla cultura e allo sport,  Mimmo Tiseo ritiri le sue dimissioni e torni a dare il suo prezioso contributo a questa amministrazione. Peraltro il suo impegno e la sua abnegazione a portare avanti quanto di sua competenza sono stati sotto gli occhi di tutti; una persona stimata e benvoluta da tutti, anche dagli avversari e quindi bisogna a tutti i costi fare in modo che possa continuare e portare a termine le diverse iniziative che erano in cantiere “. Per oggi pomeriggio è previsto un nuovo incontro nella sede del Pd, ma questa volta riservata al gruppo consiliare del partito democratico per discutere delle candidature a presidente del cosniglio comunale. “ Per qunto mi riguarda, afferma ancora il capogruppo Esposito, io proporrò la ricandidatura di Leopoldo Carandente, se poi ci saranno altre candidature ne discuteremo serenamente e valuteremo quale sia il candidato che può dare a tutti le garanzie per portare avanti, nel rispetto di tutti, i lavori del civico consesso.

Veronica Di Vita

19 Comments

  1. Quartomondo said:

    Ah….interessantissime le opinioni dei Gennaro Esposito, del PD e dei politicari tutti.
    ahahahahahaha!

  2. Francesco Cangiano said:

    A leggere bene tutte le dichiarazioni, sembra che si voglia affermare senza ombra di dubbio: nulla è cambiato! In effetti i partiti di questa pseudo maggioranza sottoscrivono il “nuovo programma” del Sindaco (che poi è lo stesso da almeno due anni), però…. ecco la “differenza” dal passato… con i tempi non si trovano, anzi!
    E guarda caso, questa pseudo maggioranza coesa e compatta, già sul primo punto da approvare, il Distretto Sanitario, manifesta ” evidenti distinguo”, vuole ancora discutere… leggasi: non si farà mai a meno che il Sindaco non receda dalle sue intenzioni (e questo sarebbe davvero gravissimo e non so quale interpretazione l’amico Sauro potrebbe trovare).
    Io, personalmente, ringrazio tutti della “stima” manifestata a “parole” nei miei confronti, ma rimango sempre più convinto che si stia solo operando un “accanimento terapeutico” non su un malato grave ma su un vero cadavere (l’Amministrazione Comunale) e chi mi conosce sa bene che mai mi presterei ad un gioco siffatto!
    Anzi questa è un’altra buona occasione per invitare l’amico Sauro a “salvarsi” da questa palude politica: mandali tutti a casa amico mio prima che lo facciano loro con te!

  3. Francesco Cangiano said:

    Dimenticavo…. E’ vero che n questi anni ho sempre votato “lealmente” gli atti proposti dal Sindaco ed in qualche caso solo per rispetto della maggioranza pur dissentendo (quali atti ha proposto la maggioranza davvero non so), ma mi piacerebbe che fossero ricordati di più gli atti che, insieme a pochi altri, abbiamo evitato che si approvassero, come ad esempio “l’invasione” dissennata dei ripetitori di telefonia o la privatizzazione delle risorse idriche o la privatizzazione del cimitero comunale.

  4. catonedomenico said:

    Cara Cangiano io condivido le tue opinioni, però ho un distinguo, è se il colpevole dello sfascio è il sindaco stesso? Non ti sembra che si chiude nel suo “IO”, Senza guardare avanti, tutte le scelte sono le sue e di chi lo cosiglia. In una azieda quando l’ amministrare sbaglia i soci lo mandano a casa. Vedi esiste un problema serio nel sistema Comune di Quarto, inteso come Consiglio Comunale e amministrazione: il Sindaco deve fare il Sindaco amministrando il Comune, il Consiglio Comunale deve fare altre funzioni quali programmazione del territorio, economica ecc…. , il caro sindaco vuole essere su tutto. Io le sue dimissioni le ho viste come una “sorta di estorsione” fatta al Consiglio Comunale di Quarto, cioè, se non fate quello che programmo io andate a casa. Questo mi simbra ingerenza in competenze che non sono le sue, ricordiamoci che il Consiglio Comunale è l’ organo supremo a cui il Sindaco deve sottomettersi nelle scelte di politica del territorio e di programmazione economica. Cordiali saluti Catone Domenico.

  5. catonedomenico said:

    Scusami per cara volevo dire caro Cangiano, purtroppo in questi giorni sono pieno di lavoro e stanco. Saluti.

  6. Francesco Cangiano said:

    Caro Catone, la problematica che poni è certamente molto interessante da un punto di vista puramente “filosofico” ed interessante è la tua opinione, anche se mi sento di dissentire su alcuni punti. Io credo che la legge elettorale, ci piaccia o meno, che porta all’elezione del Sindaco aveva in essere alcuni obiettivi da raggiungere che divergono da quanto dici. Cerco di essere chiaro. Pienamente d’accordo che è il Consiglio a trattare le linee programmatiche e di scelta dell’Amministrazione ma questa sua prerogativa essenziale va espletata nel momento in cui si delibera il bilancio pprevisionale: è quello il momento “alto” in cui i Consiglieri dovrebbero esprimersi. Successivamente, una volta tracciata la linea, essi dovrebbero solo rappresentare la parte politica che controlla che la giunta ed il sindaco seguano quella stessa linea. Al Comune di Quarto invece capita troppo spesso che il momento del bilancio è vissuto come un momento solo transitorio, quasi di un fastidio obbligato, e che ogni consigliere aspetti poi il momento buono per “creare problemi”. Ed è proprio questo che io contesto a questa maggioranza che non esiste: si vota il bilancio per paura di andare a casa e poi si creano i problemi. Secondo me non è eticamente corretto e neache produttivo per la città, lasciando vagare per l’aria troppi sospetti di piccoli interessi personali da perseguire.
    Flm visto anche in questa occasione: si accetta la richiesta del sindaco (tu la chiami estorsione e mi può anche stare bene, ma penso non sia così) per paura di andare a casa (altro che responsabilità verso la città), pur sapendo che alla prima buona occasione si cercherà di far valere “il proprio ruolo”: non dovrebbe funzionare così. E poi dimentichi una cosa importante: la legge prevede che il primo consigliere sia proprio il Sindaco quindi giusto che lui detti una sua proposta, non giusto tutto il resto.
    Ed infine credo che fai un errore quando fai una distinzione fra amministrazione e politica che ha un qualche fondamento ma che nel caso di una amministrazione comunale coincide più di quanto invece diverga.
    Sempre un piacere confrontarsi nel rispetto reciproco
    Francesco Cangiano

  7. Francesco Cangiano said:

    Scusami per l’aggiunta, ma penso sia necessario chiarirlo, anche se è un concetto espresso altre volte…
    Certamente il primo responsabile di tutto questo è certamente il Sindaco essendo sua quella massima carica, poi le responsabilità vanno divise tra tutti e trenta i consiglieri, maggioranza ed opposizione, (e non mi escludo certo io) nelle debite ed opportune distinzioni e tra gli stessi assessori, tutti compresi sia quelli che sono stati rimossi sia quelli che si sono dimessi.
    Forse ricorderai che in una infuocata intervista ebbi a dire che “Quarto è amministrata da una classe politica certamente inadeguata ai bisogni della città” e non me lo rimangio di certo…
    a presto

  8. catonedomenico said:

    Caro Cangiano, tu non sai ma con MG DC (Movimento Giovanile Democrazia Cristiana) con cui sono stato ai massimi vertici, ho lavorato per la produzione di questa legge elettorale comunale, come per l’ abolizione del proporzionale avvenuta con il referendum (di questo sono un pentito oggi vorrei un ritorno al proporzionale con sbarramento). Conosco benissimo lo spirito della legge che ha portato stabilità alle amministrazioni comunali, pertanto in parte ti posso dare ragione essendo anche questa la mia opinione, però dissento dalla parte che i compiti degli amministrazione possano essere coincidenti con quelli del Consiglio Comunale, ti ricordo che noi del MG DC facemmo inserire nella legge elettorale la incompatibilà tra consigliere comunale ed amministratore (assessore), questo aspetto è importante proprio per differenziare i 2 ruoli, a tal riguardo si è espressa diverse volte anche il Consiglio di Stato dando questo orientamento. Per il bilancio abbiamo opinioni concordanti, questo è il motivo per cui esiste il bilancio preventivo approvato dal Consiglio Comunale (Programmazione economica) a cui il sindaco e gli assessori si devono attenere. Però non concordo per quanto non previsto nel bilancio preventivo, e mi riferisco alla programmazione del territorio ed altro di competenza del consiglio comunale, dove il sindaco può solo proporre, però a decidere è il Consiglio Comunale ai cui deliberati il Sindaco si deve attenere e sottomettere come il bilancio preventivo. Ti faccio un esempio: Per il PRG di Quarto area PIP i deliberati del Consiglio Comunale o degli altri organi sostitutivi o superiori hanno stabilito che vanno attuati per esproprio e per graudatoria, sembra, invece, che il sindaco voglia fare una cosa diversa. Fare una cosa diversa può farla solo il consiglio comunale. Quando io scrivo una “sorta di estorsione” (ha significato diverso da “estorsione” ho messo un parola importante aggiuntiva – non mi far querelare dal Sindaco – io mi attengo sempre ai fatti e cerco di usare sempre significati appropriati e difendibili in giudizio) evidenzio lo scollamento e le 2 differenti funzioni. 1) il sindaco amministra 2) il consiglio comunale propone. L’ organo superiore è il Consiglio Comunale ed il Sindaco con la sua giunta amministra. I ruoli non vanno confusi. E purtroppo a Quarto i ruoli vengono confusi, da quanto è nata questa legge, è storia vecchia, fino a quando non si capisce il vero significato della legge esisteranno sempre gli scollamenti. Inoltre in democrazia esiste un concetto importante! Le opinioni dei tanti devono prevalere sulle opinioni dei singoli, quando un singolo (il Sindaco) afferma, senza aver fatto un confronto con i tanti (Consiglio Comunale): io mi dimetto se non si fà in questo modo, questo diventa una “sorta di estorsione”, solo dopo un confronto leale, se i 2 organi non vanno d’accordo si ritorna alle urne. Saluti Catone Domenico

  9. Quartomondo said:

    I politicari della maggioranza? Buffoni asserviti.
    I politicari dell’opposizione? Buffoni asserviti.
    Sono tutti uguali e si fa molto prima ad indicare le RARISSIME ececzioni, tipo la Iovine o Cangiano; il resto è materiale buono per una discarica abusiva dei clan locali (di cui non parlano MAI!).

  10. catonedomenico said:

    Caro Quartomondo, devi sapere che i cittadini si meritano i politici che votano, siamo in democrazia, questi politici partecipano, fanno aggregazione e rappresentano. Se i cittadini non partecipano alla vita politica facendo gestire ai pochi questi sono i risultati. Inoltre non fare di tutta l’ erba un fascio. Esiste erba buona ed erba cattiva. Inoltre ricordati che i santi a Quarto non esistono, ed anche tu quando fai tanti commenti dato che ti ho inquadrato come persona di estrema sinistra di ideologia marxista – leninista (sia chiaro che non voglio inferire su questa ideologia, poi quando vuoi ti posso far vedere i risultati, avendo vissuto per oltre 2 anni in Ucraina), non sei un santo. Quando si giudicano le singole persone devi dire i motivi specifici e devi avere il coraggio della denuncia come faccio io. Se ritieni di essere in grado di rappresentare i cittadini scendi in campo e conquistati l’ elettorato con la forza delle idee e con le proposte. Forse non hai capacità di proposta dato che fai solo critiche? Vedi questa è una provocazione per far alzare il livello delle discussioni.
    Saluti Catone Domenico.

  11. Quartomondo said:

    🙂 molto divertente 🙂
    Ho preso noita di tutto quello che non conosco, che ignoro, che mi sfugge; mi sono appuntato tutto quello che mi hai spiegato e ti ringrazio per tutto quello che dici. sei riuscito a scoprirmi…sono il fratello cattivo ed impresentabile di Stalin! 🙂
    Mi stai davvero simpatico, come tutte le persone danneggiate dai politicari di Quarto Flegreo, ma che cercano di acchiapparsi a qualunque carrozzone o a qualunque persone di passaggio, capace di farle montare sul carro giusto. Non ti preoccupare di me, di quello che penso e di quello che scrivo…pensa a te, al tuo PIP ed a tutto quello che c’è dietro (persone, aziende, politicari eccetera).
    Cosa dico io, come lo sostengo, come lo argomento, se abbasso o alzo il livello delle discussioni, semplicemente non è affar tuo. Non sono molto interessato a quello che dici tu, che mi pare una sorta di disco rotto piantato su Secone; io continuo a sostenere che non la singola persona, ma che il contesto locale è un contesto mafioso e marcio, dove è inutile discettare del particolare, quanto l’insieme è semplicemente da nuclearizzare. Non pretendo che tu capisca e poco mi importa se approvi.

    Saluti.

  12. Il Federalista said:

    Salve a tutti, è la prima volta che intervengo anche se da tanto tempo leggo i vostri post.
    Questo mi sembra il posto giusto per discutere di problematiche che da troppo tempo la gran parte dei cittadini di questa sfortunata città vuole parlare, mi sembra, leggendo i post, che anche dal punto di vista politico siano rappresentate tutte le forze politiche.
    Mi sembra chiaro che nessuno sia soddisfatto della situazione generale della nostra città, ed in questi casi la cosa migliore da fare sarebbe di ritornare alle urne, qualcuno mi direbbe che comunque non cambierebbe nulla perchè il paese è nelle mani di pochi che si mettono daccordo e riprendono a fare i loro giochetti.
    Io penso che se la parte sana della città viene fuori con idee semplici e chiare qualcosa si possa cambiare, i giovani sono troppo delusi e vivono ai margini della società, penso sia arrivato il momento di scendere in campo, ma non a chiacchiere, tirare fuori le palle e vedrete che le cose cambieranno.
    Quarto è una delle città più giovani d’Italia con un tasso culturale molto alto, non è possibile che siamo governati da persone che a stento hanno la licenza media.
    Questo è quello che penso, per il momento vi auguro una buona notte.

  13. catonedomenico said:

    Caro Quartomondo, come ti ho spiegato la mia era una provocazione, mi interessava la tua risposta per valutare il tuo livello culturale, vedo che non è alto. Innanzitutto non ti ho chiamato stalinista, ma ho accenato ad un filone idealistico marxista – leninista, cosa diversa da stalinista, io ti critico per il tuo modo di comunicare, adesso ti spiego: quando nei commenti che lasci ti muovi accoppiato, come se cercassi di indirizzare i lettori con tecnice comunicative che cercono di indirizzarli alla anarchia senza la giusta critica e discussione e verso ideologie che ritengo superate, come del resto ritengo il capitalismo moderno anchesso superato, è mio dovere intervenire a difesa dei miei concittadini. Evidentemente non conosci bene la storia di questo paese, che non è solo quello che descrivi tu. Ognuno ha le sue opinioni, tu le espliti con un linguaggio volgare, io metto all’ attenzione i fatti, cerco di fare critica in modo da portare alla ragione. Questa è comunicazione. In democrazia è l’ opinione dei tanti a prevalere. Io rappresento i tanti e mi firmo. Ciao e continua comunque mi sei simpatico. Saluti ai lettori.

  14. Quartomondo said:

    Catone, sei pesante. Piuttosto che leggerti, preferirei farmi frate.
    Ma per me sei come il personaggio di uno strano circo…non mi interessa nulla di quello che dici, ma lo trovo sempre utile e divertente. Si, sei proprio divertente, tanto…

  15. catonedomenico said:

    Purtroppo quando si giudica si viene giudicati. Vedi il tuo è il classico modo di fuggire quando non si ha niente da dire. Sei ripetitivo e stancante. Tieni presente che io non ho bisogno di attaccarmi al carro di nessun politico. Dalla mia scuola con la Democrazia Cristiana ho creato tanti politici ed amministratori che rappresentano degnamente questa repubblica. Dalla tua scuola escono solo parolacce senza discussione. Questa è la differenza tra il comunicare ed il non comunicare. Ciao Simpaticone. Saluti Catone Domenico. 🙂

  16. Quartomondo said:

    No, aspetta…io non faccio scuola a nessuno e mai avrò questo ruolo.
    Io dico, nel modo più forte possibile che Quarto Flegreo è immersa in un brodo di corruzione ed illegalità, di camorra e di malaffare. Lo dico dal punto di vista di uno che risiede, purtroppo, in questo paese, e con la libertà di giudizio di chi non ha nulla a che spartire con “imprenditori”, ruffiani dei camorristi, politicari, camorristi dichiarati, latitanti e appartenenti a quella cricca di milionari in euro, arricchitasi con la speculazione edilizia e la camorra, negli anni 70.
    Tu, tronfio e monotono Catone, sei completamente impregnato di politica, tu e la tua DC, sei al servizio di interessi economici (il tuo PIP) e non è colpa mia se sei costretto a soccombere nella tua personale battaglia contro Secone che, evidentemente, ha capito la “politica” molto meglio di te, visto che lui fa (nel bene o nel male, decideranno i Tribunali), mentre tu perdi tempo a scrivere le tue cavolate sterili in internet. Chi rappresenti? Imprenditori e commercianti, quindi 40/100 persone…al massimo. Una rappresentanza risibile! Dall’altro lato ci sono 420.000 persone che vivono male, in questo paese schifoso e corrotto, dove non funziona nulla. Quanto vado dicendo e segnalando io, interessa molto più delle faccende economiche e dei tuoi personali tornaconti. Concentrati sui tuoi amici “imprenditori” e “potecari”, difendi gli interessi di questa gente, ma non spappolare gli zebedei a me, che sparo sul malaffare e sulle porcherie di questo cesso di paese.

  17. catonedomenico said:

    Caro Quartomondo, vedi che le provocazioni servono, nei precedenti post quando abbiamo commentato argomenti seri abbiamo avuto un buon dialogo, io mi innervosisco quando fai di tutta l’erba un fascio. A Quarto risiedono circa 40000 persone compeso noi, di queste devi convenire che il 99% sono onesti cittadini, il restante può rientrare tra i cattivi, chi siano non spetta a me indagare, spetta alle forze dell’ordine. Noi siamo in democrazia ti piace o non ti piace esistono i partiti, le associazioni, le istituzioni. Che sono espressioni della democrazia. Inoltre quando faccio le personali battaglie come tu le definisci, sono battaglie di civiltà. Oggi se mi oppongo al Sindaco è per difendere i diritti degli imprenditori di Quarto, nonchè la debole economia del paese. Per quanto la mia rappresentanza, posso garantirti che rappresento le idee dei quartesi, quelli che la mattina si alzano onestamente e vanno a lavoro, che la sera ritornano a casa è vorrebbero un paese vivibile, rappresento con le mie idee e con quello che noi imprenditori stiamo cercando di realizzare la speranza di tanti gionani di poter travare un lavoro in questo paese e di poter dare un futuro ai nostri figli. Fatti concreti e non parole. E fatti che vengono ostacolati dal Sindaco e dal Vicesindaco. Il Sindaco è responsabile ed i cittadini stanno comprendendo, il Sindaco cerca di aggrapparsi e non ha capito che ha fatto terreno bruciato intorno a lui con le sue stesse mani. Caro Quartomondo fai bene a criticare. Siamo in democrazia, però devi accettare quando una persona ricambia le tue critiche, altrimenti diventa inutile dialogare e diventa inutile commentare. Saluti Catone Domenico.

  18. Quartomondo said:

    A me non piace questo tuo modo di fare (lo hai recentemente mostrato con l’utente Eric58), piacione, ondivago, fintamente democratico, ma spocchioso e presuntuoso all’ennesima potenza.
    Facciamo una bella cosa, tui continua a pensare a Secone ed ai tuoi INTERESSI ECONOMICI nel PIP e nella “politica” quartaiuola. Io continuerò a mettere in rilievo le procherie, le camorrie, le maleducazioni e le inefficienze di questo paese (non devo renderne conto a nessuno, non ha alcun padrino da servire e non muovo alcun interesse economico). Ignoriamoci pacificamente evitandoi di annoiare i lettori dello spazio commenti. Per quanto mi riguarda la faccenda si chiude qui.

  19. catonedomenico said:

    Caro quartomondo, vuoi avere sempre l’ ultima parola, sul tuo sito scrivi che noi quartesi non sappiamo leggere e scrivere (invece siamo in molti che sappiamo leggere e scrivere), che succede? Quando non sai far prevalere la tua opinione offendi e provochi senza argomentazioni. Sei caduto molto in basso. Concordo sulla tua ultima parte con un distinguo, io i lettori non li annoio, quando scrivo sono gli articoli più letti e commentati. 🙂 . Saluti ai lettori e scusate se Vi ho annoiato e se sono presuntuoso. Catone Domenico.

Comments are closed.

Top