ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE MIMMO TISEO UFFICIALIZZA LE SUE DIMISSIONI

“Non c’è più nulla che mi possa far pensare di esprimermi in un ambito di Sinistra Vera, cui ho sempre appartenuto per formazione politica” afferma il dimissionario Assessore.

Stamane, subito dopo la fine della conferenza stampa, tenuta dal Sindaco, alla presenza di Assessori e Consiglieri di maggioranza con cui venivano ritirate le dimissioni del Primo Cittadino, il Prof. Mimmo TISEO, Assessore alla Pubblica Istruzione, Cultura, Sport, Tempo Libero e Turismo, presentava le proprie dimissioni da tale incarico in una lettera che veniva protocollata. I motivi vanno da ricercare nell’infuocata situazione del Consiglio Comunale che ha visto determinare le dimissioni del Presidente del Consiglio, Avvocato Leopoldo Carandente. La gravità che la sfiducia al Presidente sia stata sostenuta da ben tre consiglieri appartenenti al suo stesso partito e da altri tre di un partito di maggioranza, oltre al compatto gruppo di opposizione, crea una situazione estremamente confusionaria e delicata. “Non c’è più nulla che mi possa far pensare di esprimermi in un ambito di Sinistra Vera, cui ho sempre appartenuto per formazione politica” afferma il dimissionario Assessore. “La città ha bisogno di servizi, di strutture atte al tempo libero. Intendo Palazzetto dello Sport, un vero campo di Atletica Leggera con la parte erbosa da giocare a rugby, uno sport che avrei desiderato mostrare a Quarto, una Piscina olimpionica, da utilizzare, nei mesi estivi, anche per la balneazione. Strutture queste che in Paesini con meno abitanti di Quarto sono ben presenti nei loro territori. Una politica rivolta solo “al mattone per appartamenti” e non “per divertimento” renderà sempre più dormitorio questo Paese, meno ambito e dunque più degradato. Si aggiungeranno ulteriori problemi a quelli già esistenti come smaltimento rifiuti, Scuole che, già fatiscenti, non potranno assorbire ulteriore aumento della popolazione, fabbisogno idrico ed ulteriori carichi sui collegamenti su gomma o su rotaia, peraltro già insufficienti. Quarto, muovendosi nell’Area Flegrea, cui appartiene geologicamente  e territorialmente, dovrebbe invece creare attrattive come campi da golf, equitazione che, in aggiunta all’ottima ristorazione, consentirebbero ai cittadini di essere al mattino bagnanti nel litorale flegreo e di trascorrere il pomeriggio/sera dalle nostre parti. Certo occorrono soldi per realizzare quanto esposto, ma si può guadagnare, e mi rivolgo agli imprenditori, anche creando altre opportunità diverse dalla cementificazione. Desidero ringraziare il Sindaco per l’onore dell’incarico affidatomi nel Settembre del 2009. Voglio scusarmi con i cittadini per gli obbiettivi non raggiunti, nonostante l’impegno. Auguro agli Amministratori ed al Sindaco di trovare le soluzioni ideali per la comunità di Quarto”.

23 Comments

  1. Quartomondo said:

    Davvero altra stoffa ed altro tipo d’uomo! Altro che Sauro Secone.

  2. Francesco Cangiano said:

    Certamente uno dei migliori abitanti di questo nostro sfortunato territorio e soprattutto una figura di cui tuttti i Quartesi, nessuno escluso, dovrebbero andare fieri: personalmente sono onorato di poter godere della sua amicizia!
    Desidero riportare integralmente la sua lettera di dimissioni allo scopo di dare una chiara dimostrazione, pur se parziale, di cosa e di chi stiamo parlando. Nonostante il momento, non certo facile per lui conoscendolo come un “lottatore” eccezionale, ha saputo mantenere intatta tutta la sua signorilità e dignità.
    E sono certo che nonostante tutto il Dott Tiseo continuerà ad adoperarsi per raggiungere quegli obiettivi indicati e che per ora non ha potuto raggiungere: non c’è solo la politica per farlo!
    …………
    Gent. ssmo SINDACO,
    ti presento le dimissioni dall’incarico di Assessore del Comune di Quarto.
    La confusione politica, attualmente presente, non consente di discernere con chiarezza gli obiettivi che un’ Amministrazione di Sinistra voglia perseguire.
    Difficoltà, per non dire Impossibilità, a realizzare idee di qualità, nell’ambito dei settori facenti parte dell’Assessorato affidatomi, è un altro motivo.
    La situazione economica fortemente instabile del Comune impedisce qualsiasi programmazione, anche se contenuta nei binari di una logica contraria allo sperpero, ma comunque volta all’interesse della cittadinanza e dell’Ente.
    L’edilizia scolastica è più che una spina con strutture vetuste che abbisognano di interventi radicali e non di rappezzi, peraltro nient’affatto risolutori, ma capaci solo di accentuare lo sconforto di chi amministra e la rabbia degli studenti e dei loro familiari.
    L’ambito sportivo, a me, come ben sai, particolarmente caro per tutti gli importanti risvolti ad esso collegati, fondamentali per la sviluppo psico-fisico dei singoli e per il prestigio che comporta per il nome di un Comune in un contesto nazionale, è ridicolmente fermo a strutture per nulla al passo con le esigenze moderne.
    Un Paese giovane, come Quarto, dovrebbe concretizzare nello Sport e nella Scuola iniziative volte alla migliore formazione dei suoi giovani concittadini, cercando, soprattutto, di tenerli lontani da scelte sciagurate di vita.
    Non si può, certo, pensare di risolvere i problemi con lo Sport, ma, ed io ci credo, ci si può andare molto vicino!!
    Tutti i tentativi fatti per sensibilizzare l’Amministrazione per ottenere quello che altrove è già abbondantemente nel patrimonio cittadino, non sono andati oltre una semplice chiacchiera, perché l’idea, radicata nella nostra Quarto, è solo “edilizia abitativa” e non alternativa per il tempo libero o semplicemente per stare insieme e “vivere” e non solo “dormire” in questo benedetto Comune!!
    Il “piano casa”, che non condivido e non sono l’unico, mi trova d’accordo per la soluzione abitativa della “219”, ma cosa può importare se saremo ancor più e, dunque, come sardine azzeccarci ulteriormente, senza avere alcun valido motivo per continuare a rimanere a vivere in un simile serraglio?
    Il “Palazzetto dello Sport” o in alternativa la “Piscina”, quali beni in cambio della cementificazione, sono poca cosa per le giuste esigenze di una cittadina di oltre 40mila abitanti.
    Mi sa tanto dell’acquisto di Manatthan con collane di perline rifilate a sprovveduti Pellerossa !!
    Sono rimasto finora perché conosco bene la tua degna persona e, credimi, mi sono impegnato, forse poco fruttuosamente, a dare il mio apporto a te come ai cittadini di Quarto con cui mi scuso per gli obbiettivi non raggiunti.
    TI ringrazio per la scelta della mia persona a tale incarico e per la fiducia accordatami per il ruolo sin qui svolto.
    MimmoTISEO
    Quarto, 04/01/11

  3. ANALISTA said:

    Come a più riprese ribadito sono stato un elettore e sostenitore dell’attuale Sindaco Dott. Secone, .
    Fiero sostenitore, come tanti altri cittadini di Quarto, in ambito preelettorale perchè ha rappresentato ,in momenti molto bui durante il periodo nefasto del duoplio Dicriscio-Salatiello , come la sola risorsa che lo schieramento di centrosinistra potesse opporre alla tracotanza e sfacciadaggine dell’ammucciata centro-destra.
    Eravamo molto ben disposti per cercare di dare una svolta alla commistione ed al malaffare, tutti i maggiori rappresentanti iscritti nelle varie liste di appartenenza mostravano di avere piena fiducia nell’impostazione che il Sindaco aveva dato alla campagna elettorale ed al Suo programma condiviso da tutte le forze.
    Un programma molto articolato , con una miriade di provvedimenti che se fossero stati votati e con testardagine inseguiti , avrebbero di certo dato un senso alla consiliatura.
    Ma questo non è avvenuto e se ben ricordiamo tutti le avvisaglie si ebbero subito con la formazione dei gruppi e l’elezione dei capi-gruppo.
    Gli addetti ai lavori ricorderanno bene, e le varie gelosie e/o distingui personalistici non hanno di certo dato l’impressione di un centrosinistra compatto e coeso.
    Dicevo che il programma era stato da tutti approvati e nessun distinguo si evidenziò anzi sembrava che ognuno dei contendenti volesse la paternità di ogni singolo punto programmatico e questo al solo scopo di demagogia elettorale.
    Il Dott. Cangiano ed il Dott. Tiseo, sono professionisti conosciuti ad una buona fetta di cittadini Quartesi per la loro serietà e professione ed in particolar modo il secondo è apprezzato anche per la signoril riservatezza e questo per tutti noi è un patrimonio sociale che dobbiamo tenerne in conto.
    Però da questo punto di vista il Dott. Secone non è da meno e se nelle dichiarazioni dei due semmenzionati professionisti trapela una certa delusione è ammissibile , però dobbiamo anche dare atto che la posizione che il Dott. Secone ha assunto può essere condivisibile o meno ma che da un ottica propriamente e squisitamente politica e di responsabiltà può essere letta in maniera diversa.
    Essere Sindaco presume responsabilità diverse da quello di un assessore o dal semplice consigliere, e pertanto concludo che pur non condividendo la situazione attuata dobbiamo dare ancora del credito all’azione e decisione del Sindaco, salvo poi verificare tra 1 mese o 2 se la situazione almeno da un punto di vista ambientale e politico sia almeno migliorata ed in caso negativo continuare su questa china sarebbe prorpio da masochisti .

  4. Quartomondo said:

    Le persone serie ed utili al paese, lasciano Secone; è un dato di fatto. Va via Tiseo, si defila e si dissocia Cangiano, fugge via la Iovine…
    E Secone, dall’altro estremo della qualità e della serietà, con chi continua a mantenere il suo amorevole idillio ? Ma certo, con Antonio Granato, l’assessore ai debiti, alle elemosine ed alle pezze al culo del comune di Quarto Flegreo, cesso del mondo!

    Iovine, Cangiano e Tiseo da un lato….
    Secone, Granato, De Vivo, Lista e tutta la scalcagnata band, dall’altro!

    Complimenti!

  5. Quartomondo said:

    Dedicato alla brava Raffaella Iovine.

    E certo che aveva ragione lei!
    Quando ci scrisse, con chiarezza perfetta (le sue lettere alla cittadinanza sono sempre presenti nel quartomondo, a disposizione di chiunque), che la ‘politica’ a Quarto Flegreo non esiste! Che si discute nei bar, che si deve eseguire e non pensare, che non esiste alcuna libertà di manovra e che Secone è un despota antidemocratico.
    E questo è solo quello che ci ha potuto dire…ha fatto benissimo la Iovine a sottrarsi a quella gente.
    Adesso che siamo alle comiche finali, alle imbarazzanti e ridicole botte finali, sarà contenta la brava Raffaella! A differenza di quello che dichiarava il politicaro Prencipe (quello con lo sguardo più losco e cattivo che si sia mai visto a Quarto canale), il paese di Quarto Flegreo si ricorderà della Iovine come una persona corretta e leale, intelligente e sganciata dai giochi tamarri della ‘politica’ locale, mentre si ricorderà molto bene di Secone che si rimangia la parola più volte, degli assessori in fuga, delle azioni non fatte e dell’evidenza assoluta di un’intera categoria di politicari da mandare allo sfascio quanto prima possibile!

    Brava Raffaella Iovine e bravi Cangiano e Tiseo!

    Fonte : Il forum del Quartomondo

  6. Pasquale Massa said:

    Nonostante le risicatissime risorse econimiche, ha il grande merito di aver permesso ai cittadini di usare nuovamente la pista di atletica.

  7. frescobaldo said:

    Grazie Tiseo , sei una persona per bene, pero ti chiedo come si puo stare con persone come Secone ,lo ai ringraziato ai lavorato abbastanza bene , pero poi vai via , credo che non ci ai detto tutta la verità , Se si crede nell’uomo e nel programma si resta, infondo sei un cittadino di Quarto , non il servo di cangiano,che vogli oricordare a tutti visto che parla di cooerenza, partito dal PDS, passato con democratici, approdo nella margherita , ritorno in rifondazione comunista , aderi all’area politica dell’assessore gabriele candidato nel P.D adesso gruppo misto , facendo un associazione di sinistra, credo che sia il meno indicato a parlare di cooerenza uno che e cresciuto nell’area dell’assessore Regionale Conte eletto e poi rimosso , certo che il secone ne a per tutti i gusti i suoi politici, pero non puo dire che non li conosceva.

  8. quartesedoc said:

    sono daccordo con te frescobaldo, un grazie al dott. Tiseo e dovuto una persona seria ed onesta ma soprattutto un uomo che ha creduto e crede nella sinistra, a mio avviso meglio si sgancia da Cangiano un perfido incoerente che di sinistra non ha nulla , si dice di sinistra ,ma mi chiedo uno che e stato un sostenitore di CONTE indagato per camorra puo mai essere di sinistra??????

    • falco said:

      Scusa se ti correggo quartesedoc, ma conte non è stato semplicemente indagato, bensì CONDANNATO per concorso esterno in associazione mafiosa. Ricordo bene le dichiarazioni di Caldoro dopo la presentazione delle liste in Campania che, affermando di non essersi accorto che in una lista a lui collegata si era “infilato” conte, dichiarò alla stampa più o meno testualmente: “Se i voti di conte dovessero essere decisivi per la mia elazione a presidente della Campania, rinuncerò alla carica e mi dimetterò”.
      Basta ripercorrere i giornali dell’epoca o semplicemente digitare “roberto conte” su google e si trova tutto.
      Scusa se mi sono permesso di correggerti, ma lo faccio giusto perchè condivido in toto il tuo post.

  9. quartopotere said:

    Sono basito e perplesso.
    Cangiano IN, Cangiano OUT. Hanno ragione i detrattori o gli estimatori? E’ più facile riverire o disprezzare? Anche se non sono l’Analista, vorrei analizzare le contrastanti opinioni sul consigliere Cangiano.
    L’Uomo Cangiano
    Professionista serio ed affidabile, lo testimoniano i suoi assistiti, la sua professionalità e la stima che gode come uomo e come amico di tanti quartesi. Vive decorosamente del lavoro suo e della consorte, non gode di redditi faraonici né possiede ettari di terreni o innumerevoli immobili.
    L’Uomo politico
    PCI, PDS, DS, RC sono sempre partiti di sinistra, al massimo centro-sinistra. Col senno di poi possiamo affermare, senza tema di essere smentiti da alcuno, che non c’è politico o uomo che non abbia frequentato qualcuno che, poi ma molto poi, si sia qualificato quale delinquente. A differenza di tanti, però, Cangiano ha troncato quando le illazioni sono diventate certezze. Il panorama politico nazionale è pieno di condannati che frequentano salotti, firmano dai carabinieri prima di entrare a Montecitorio o a palazzo Madama. Coordinatori e responsabili di partiti di governo sono stati condannati con sentenza passata in giudicato eppure vengono difesi e stimati dai politicanti nazionali. Almeno Cangiano, se fosse vero quello che alcuni scrivono e non documentano, rompe con i disonesti.
    Cangiano non appoggia più Secone ma non è all’opposizione. Cangiano percepisce dal comune di Quarto quasi il costo del parcheggio auto quando si reca al comune.
    Conclusione
    Con certi personaggi al comune, costruttori, affaristi, gente che si dichiara dipendente delle proprie ditte o che si fa assumere dopo eletto, multimilionari, zii di nipoti e nipoti di zii, figli e fratelli di possidenti e chi più ne ha più ne metta, che facciamo? Parliamo di Cangiano? Parafrasando il consigliere Friscia, sciacquatevi la bocca non lo dico ma… fateci un pensierino

  10. ANALISTA said:

    Vorrei lanciare un invito a tutti i partecipanti che si alternano nell’esprimere le proprie opinioni in merito alle vicende politiche e di costume giornaliermente siamo chiamati e gestire e commentare, di fare le Ns/ considerazioni senza adoperare la tatttica del metodo “Boffo” a cui abbiamo assistito sui media nazionali.
    Infangare gratuitamnete persone che sono in un certo qualmodo conosciute per il loro impegno e la loro professione , non ci porta da nessuna parte, ma discutere e pungolare gli stessi allla verifica quotidiana delle loro azioni pubbliche, può sinceramente incuneare negli stessi delle revisioni concettuali qualora queste sono deleterie per i cittadini.
    Discutere ed andare in profondità sui contatti politici che il Dott. Cangiano ha avuto dall’inizio del Suo impegno social-politico fino ad oggi, senza che ne abbia avuto alcun tornaconto personale , mi sembra una polemica sterile,.
    Abbiamo da imputare al Cangiano qualche affare losco in cui è stato implicato? No!
    E allora lasciamo stare , perchè il bersaglio moralizzatore deve essere indirizzato ai tanti che nelle tenebre tessono miriadi di piccoli compromessi e, collisioni e commistioni, manovrando a loro piacimento quanti consiglieri “picciotti” silenti ed ” Yes-man” di tutto ll’emiciclo consigliere .
    Io da attento osservatore mi domando sempre, di cosa vivono i vari consiglieri comunali quando non svolgono più l’attività politica ?
    Sono professionisti? imprenditori? impiegati? operai? disoccupati?
    Solo per quest’ultima categoria è giustificato , relativamente,la loro presenza qotidiana e continua nelle strade e bar cittadini, perchè privi di impegni strutturali ma gli altri non devono curare i proprii affari e i propri impegni?
    Una loro presenza massiccia e costante fà generare, nei cittadini, il dubbio che loro devono presenziare gli uffici pubblici per curare da vicino i propri interessi sul territorio quartese e quindi vivono prevalentemente con appalti e commisioni.
    Questo vivere in modo spasmodico l’impegno politico rende collusi e quindi esposti a qualsiasi ricatto trasversale e queste commistioni che sidevono recidere, portando sul proscenio politico locale nuovi personaggi e quindi non ricattabili da alcunchè -chì perchè nei loro armadi non ci sono “scheletri ” che possano condizionare le loro scelte.
    I vari Apa, Carputo, Micillo ,Contini,Perreca, Friscia, Lista, Sabino, Prencipe, , Amirante , i doppi Esposito,Cerlino,Chiaro, devivo, Carandente Tartaglia,Riccio, sono personaggi ” Kafkiani” con personalità discutibili molto “legati ed interessati” allo sviluppo del territorio , e pertanto non più ricandidabili da nessun partito , se si vuole iniziare a fare un pò di repulisti e recupero della dignità e moralità pubblica.

    • falco said:

      Gentile Sig. ANALISTA, sono daccordo con Lei nel considerare la vita privata dei politici come cosa separata dalle proprie funzioni pubbliche. Il caso Boffo riguardava appunto aspetti privati che vanno perciò rispettati. Però le attività e le scelte pubbliche non possono essere considerate un affare privato. Una persona può avere una vita privata irreprensibile ma essere allo stesso tempo un politico criticabile. Chi si richiama ai valori della sinistra, deve sempre mettere al primo posto l’etica politica (vedi Tiseo, per esempio) e non alterare il proprio profilo politico e la propria storia passata. Lei non può negare a nessuno il diritto di criticare, anche duramente, le scelte che investono la sfera politica delle persone e di criticare e condannare l’opportunismo e il trasformismo. Se una persona dichiara di provenire dal P.C.I., mentre in quel partito NON HA MAI MESSO PIEDE, mente sapendo di mentire. Se una persona rinnega il suo passato democristiano, mente sapendo di mentire. Se una persona è stata in contatto con individui condannati per reati di mafia, pur senza averne tratto vantaggi personali, dovrebbe avere la dignità di scusarsi e farsi da parte e non pretendere di dare lezioni di sinistra agli altri. Mi consenta di dire che Lei sbaglia a giustificare il trasformismo, perchè la giustificazione è peggio del trasformismo stesso.
      Lei si è assunto il compito di fare da “analista” delle questioni locali, e questo è un bene, perchè aiuta i lettori di quartocanale ad approfondire le questioni locali, ed in più i Suoi toni, sempre molto pacati e civili, rendono più equilibrato il dibattito su queste pagine, però ho notato che Lei non rivolge le sue analisi a 360 gradi e che è spesso troppo indulgente verso una parte. Il Suo lungo elenco di consiglieri che, secondo Lei, i partiti farebbero bene a non candidare più, si ferma a 17 ma i consiglieri sono 30. Devo supporre che gli altri 13 godono della Sua stima. Poichè non conosco i nomi e i profili di tutti, può ricordarmeli accompagnati da una Sua valutazione?
      Spero di avere ancora il piacere di interloquire con Lei in futuro.
      La saluto Cordialmente.

      • quartopotere said:

        E’ chiaro che il callido Falco é mosso da astio generato da problemi personali. Li abbandoni Falco. L’odio fa male solo a chi lo nutre, in quanto il soggetto odiato non lo sa e non se ne cura. Io non conosco i suoi personalissimi motivi, né voglio incunearmi nei meandri delle sue elucubrazioni mentali ma, scagliarsi contro il Cangiano non le fa onore. Rifletta bene sui nominativi che lei, artatamente finge di non conoscere (a chi vuol darla a bere?) mentre, di contro, conosce alla menadito il passato del Cangiano. Uno come lei sa bene le cose del paese ed evidentemente è incappato nel dottore che, improvvidamente, deve averle spezzato i passi. Caro Falco, torni pure nel suo nido, ma questa volta da cuculo e si ricordi, può giovarle, che provenire non è sinonimo di appartenere. In ultimo, ma non da ultimo,se una persona “è stata in contatto con individui condannati per reati di mafia, pur senza averne tratto vantaggi personali” come lei enuncia, dovremmo, tutti nessuno escluso, tapparci in casa e non uscirne più. Quarto e la montagna sovrastante docet. Cordialmente…

        • falco said:

          Se lei si rifugia negli insulti anzichè smentire con i fatti le mie affermazioni, sostenute anche da altri frequentatori del forum, significa che non ha argomenti.
          Vivo a Quarto da molti anni, ma per motivi professionali ed anche familiari, ho poco tempo libero. Non ho mai svolto attività politica nella nostra città e non ho mai avuto scontri personali con chicchessia. Ma per avere qualche conoscenza dei fatti locali non c’è bisogno di passare le giornate seduti ai bar con gli sfaccendati di ogni risma. In una cittadina così piccola tutti sanno tutto. Quando si scrive su un forum, che per definizione è un campo aperto, bisogna evitare di diffondere false informazioni, come ha fatto lei nel suo post. Lavoro nel campo della comunicazione e, mi creda, comunicare non è il suo forte. In quanto alle frequentazioni con individui “condannati per reati di mafia etc.”, parli per lei, perchè io di simili rapporti non ne ho mai avuti, se non di scontro aperto.
          Il nido di un falco è sempre un ottimo punto di osservazione, mentre la cuccia di un cagnolino consente al massimo di osservare i piedi del suo padrone.
          Le auguro la buona notte.

  11. Quartomondo said:

    Eh si. Tutta questa gente dovrebbe finalmente occuparsi d’altro!
    A tal proposito, vorrei riproporre qui un tema caro a molto e tanto dibattuto in un altro forum su Quarto Flegreo : I politicari con doppio lavoro.
    Passando in analisi tutti i politicari di Quarto Flegreo, si scopre che moltissimi, per non dire tutti, hanno una doppia attività lavorativa! Non sarebbe meglio lasciare le cariche politiche a ragazzi, magari laureati, che non abbiano quei cognomi ARCINOTI della strapaesana?
    Potremmo correre il rischio di avere, finalmente, delle persone COMPETENTI, meno OPACHE e meno SOSPETTE e, scusate se è poco, lasceremmo che una trentina di posti di lavoro, siano finalmente occupati da gente meritevole e non da politicari che LUCRANO su DUE STIPENDI (magari entrambi derivanti da attività PUBBLICA…ed anche su questo, invito alla riflessione).

  12. ANALISTA said:

    Non credo di essermi mascherato e trinceratomi dietro false connotazioni anzi più volte ho espresso il mio orientamento politico nonchè le mie scelte fatte alle ultime elezioni comunali e non credo, anzi ne sono quasi sicuro di aver usato un giusto metro di giudizio nei confronti di quanti amministrano e/o si arrogono il diritto di voler gestire le trasformazioni del nostro comune.
    Sono stato molto obiettivo e se mi si accusa di essere imparziale ed a sfavore di una parte politica .. ebbene chi mi critica su queste pagine può benissimo farsi una panoramica di quanti siedono sugli scranni dell’opposizione .
    I pseudo politici che ho citato sono 18 e non 17 perchè ho accomunato i due Esposito, gli altri rimanenti sinceramente alcuni mi sembrano persone che all’apparenza mi sembrano portatori di un bagaglio culturale con cui si può veramente aprire un confronto di idee, altri come Intignano, Coppola, Camilli,Goliuso, Defalco, Difalco, sono per la maggior parte principianti e pertanto devono per disciplina di partito essere semplici portatori d’acqua e quindi li reputo insignificanti da un punto di vista politico e poi ne rimangono solo una sparuta che , non meritano neanche di essere menzionati perchè chi ha seguito qualche consiglio comunale ha potuto constatare proprio lo spessore cultural-politico che si può misurare in decimi di millimetro.
    Penso di avere esaudito , chi ha preteso una più netta puntualizzazione di pensiero e di uomini, vorrei altresì ricordare , chiudendo questa premessa che chiarito il mio pensiero attuale non vorrei assolutamente occupare spazio in futuro per ricordare sempre le medesime cosa.
    Comunque sia pur essendo di idee progressiste e democratiche , nulla vita ad una persona di voler comunque adattare il proprio pensiero in base alle mutazioni variazioni che la società attuale impone a tutti noi.
    Non possiamo vivere nel contesto attuale con le idee del secolo scorso , la società si evolve e tutti devono, sempre rimanendo fedele ai propri principii di solidarietà, moralità, legalità e giustizia , adattarsi alle mutate situazioni sociali.

    • falco said:

      Grazie per la Sua risposta, Sig. ANALISTA, adesso mi è tutto più chiaro. Continuerò a leggerLa con piacere.

  13. frescobaldo said:

    Vedo che la discussione prende corpo,cacciamoli tutti , mettiamo i ragazzi laureati ,persone competenti, a dire il vero sono d’accordo , il punto pero e un altro,i consiglieri eletti compresi i Sindaci, da quello che so molti sono stati indagati per voto di scambio o sbaglio?posso capire che la giustizia avvolte puo sbagliare su qualcuno , pero resta un dato, che a Quarto il voto non e stato libero pertanto credo che , direttamente o indirettamente ,di questo fenomerno ne anno beneficiato un po tutti ? vinicitori e vinti?
    la quistione e molto seria se amiamo veramente questa città, fare analisi sui vari personaggi , criticare il comportamento dei vari consiglieri credo che serva a poco ,Quarto a bisogno di una classe Politica che venga dai partiti e badate bene ,la politica si dovrebbe fare nei partiti, il problema e che i partiti non ci sono a Quarto , il forum e l’unica opportunita che ci viene data per dire la nostra, penso che se in questa città vogliamo continuare a viverci dobbiamo alzare la testa e ribbellarci, ognuno nella propria area politica , infondo le persone per bene non temono il confronto con un modo di fare politica vecchio , il 2012 sveglia

  14. quartesedoc said:

    condivido in pieno quello che dici, bisogna che ritorni la politica , se pur vero che i consiglieri fanno quello che vogliono molti di loro hanno avuto tantissime preferenze e visto che non sono cime politiche a tutti noi viene il dubbio da dove hanno preso tutti quei voti, ci sono consiglieri eletti che di politica non ne capiscono un bel nulla , e i partiti dove stanno? di chi e la colpa se certi elementi vengono candidati?

  15. catonedomenico said:

    Egregi lettori,
    Mi sono prefisso di intervenire quanto meno possibile in articoli di partiti e gruppi per cercare di lasciare libero sfogo ai commenti, però dopo la lettura di alcuni commenti che riguardano Cangiano e Tiseo sono costretto ad intervenire. Voglio precisare che sono venuto a conoscenza di alcune informazioni a riguardo dell’ uscita dall’ amministrazione di Tiseo e Cangiano. Da voci a me pervenute, sembrerebbe, che alla base del litigi con Sauro Secone ex Sindaco vi sarebbe un mancato finanziamento alla loro associazione da parte del comune di Quarto di 12,000.00 (dodicimila) euro. Il puritano Cangiano potrebbe chiarire. Sai Cangiano non è mio solito fare demagogia, dato che la fai questo devo. Cordiali saluti Catone Domenico.

  16. Francesco Cangiano said:

    Avevo immaginato, professionalmente parlando, che il catonedomenico avesse qualche problemino ma la realtà a quanto vedo supera di gran lunga l’immaginazione.
    Gravissime le sue affermazioni: io non devo chiarire niente a lei, credo piuttosto che sarà lei a dover chiarire qualcosa ed in altra sede, in quanto domani mattina sarà mia cura di andarla a querelarla alla tenenza dei caribinieri.

  17. catonedomenico said:

    Egregio cangiano faccia quello che ritiene giusto, e legga bene ho scritto sembrerebbe. Ci vediamo in tribunale. Vado quasi ogni giorno. Saluti Catone Domenico.

  18. catonedomenico said:

    Ah! caro Cangiano quando domani va alla Teneza dei Carabinieri porti anche il documento che ha letto che io sarei responsabile della caduta del PIP con i nomi dei legali che hanno dato il parere. Non si dimentichi il documento è sicuramente più importante di sembrerebbe e di sarebbe con il con il condizionale, il giudice si farebbe una risata sul PIP però no. Contribuisca a fare chiarezza sul PIP!!! Cordiali saluti catone Domenico.

Comments are closed.

Top