E una nota di pochi minuti fa c’informa che durante l’incontro tenuto questo pomeriggio tra l’amministrazione comunale e la CGIL, di mero carattere interlocutorio, la sigla sindacale ha precisato tre linee guida, la prima che gli istituti contrattuali e il salario accessorio devono essere collegati al modello organizzativo e deve essere funzionale alla resa efficiente dei servizi.  

La seconda, devono essere eliminati sprechi, sperperi e affidamento di lavoro a ditte esterne avendo il comune circa 1200 dipendenti. La terza, il ticket mensa, anche come forma di integrazione salariale, va mantenuto visto che gli stipendi dei dipendenti pubblici sono da terzo mondo, mentre vanno ridotte le risorse per le posizioni organizzative ( dimezzandole) per finanziare progetti di produttività valutati attentamente al fine di offrire migliori servizi all’utenza.

 

La parte pubblica rappresentata dai due dirigenti Cossiga e Pubblico ha dimostrato interesse per le proposte della CGIL riservandosi un approfondimento.

 

Top