40 CAMBI DI RESIDENZA, GLI INQUIRENTI INDAGANO SU POSSIBILI VOTI DI SCAMBIO

Dopo gli arresti dei due candidati al consiglio comunale Armando Chiaro del Pdl e Salvatore Camerlingo di Noi Sud, maturati nel corso del blitz contro il clan Polverino, gli inquirenti continuano ad avere sospetti e indagano sulla possibilità che si verifichi il voto di scambio. Ma sotto osservazione sono finiti anche i cambi di residenza registrati negli ultimi sei mesi a Quarto.
Quasi una quarantina di cambi di residenza: un dato in linea con la media annuale, ma gli inquirenti non lasciano nulla di intentato e passano al setaccio nomi e cognomi.
Controlli rigidi, dunque, tanto che alcuni elettori sono stati anche convocati in caserma nelle ultime ore e ascoltati dai militari.
La cosa certa è che si vuole ostacolare il dilagare del fenomeno del voto di scambio e della possibile compravendita del voto, dopo quanto accadde alla vigilia delle elezioni del 2007, con il sequestro di fac-simile di schede elettorali e certificati e 101 persone finite a processo, tra cui anche Armando Chiaro.

Veronica Di Vita

Top