STUDENTI DELL’ISIS MANIFESTANO PER LE GRAVI CARENZE IGIENICO-SANITARIE E DISSESTO STRADALE.

A cause delle gravi carenze igienico sanitarie, dovuto alla mancata raccolta dei rifiuti presso le sedi scolastiche e alle strade completamente dissestate, causa di pericolo grave per la loro incolumità, i ragazzi hanno indetto una manifestazione di protesta.

Il corteo degli studenti, a cui ha partecipato la quasi totalità degli alunni, è  partito  alle ore 9.00 da Piazza S.Maria, snodandosi per le strade cittadine, C.so, Italia, Via Campana, Via Dante Alighieri, ha manifestato contro il degrado in cui versano le aree circostanti gli edifici per la mancata raccolta dei rifiuti solidi urbani e per il dissesto delle strade causa di incidenti e quindi molto pericolosi per la loro incolumità fisica. Infatti uno studente a causa del dissesto delle strade si procurato una frattura ad un braccio. La manifestazione con la presenza massiccia dell’intero corpo studentesco dell’istituto, lungo il percorso ha coinvolto numerosi cittadini che hanno pladito al nostro passaggio unendosi a nostri cori.Durante il percorso i carabinieri e i vigili urbani hanno “scortato” la massa di studenti e bloccato la circolazione dei veicoli in alcuni punti cruciali.
Al termine della manifestazione, si afferma in un comunicato a firma del Corpo Studentesco Isis Quarto, “ una delegazione di studenti è stata ricevuta dal sindaco il quale ha tenuto a precisare ancora una volta che lo stato di emergenza in cui si trova il nostro paese non dipende dall’amministrazione comunale e le scelte prese in suddetta sede, ma da problemi legati alla realtà provinciale. Il primo cittadino ha argomentato il discorso sulle difficoltà che egli stesso deve fronteggiare giorno per giorno per garantire un graduale miglioramento della situazione,e ha spiegato che il problema deriva principalmente dalla mancata disponibilità di siti dove riversare i rifiuti,e non dalla raccolta di essi,che è l’unico aspetto che concerne il comune. Noi studenti abbiamo esposto le nostre lamentele rivendicandola priorità che invece non viene data alle zone dove sono situate le nostre scuole(via Vaiani e via S.Maria) poichè è inconcepibile che per garantirci il nostro diritto allo studio,dobbiamo percorrere giorno per giorno strade dissestate,con un manto stradale a dir poco disastrato e gli accumuli di decine di tonnellate di spazzatura che,oltre a essere una minaccia dal punto di vista epidemico e di salute,costringono spesso a abbandonare i marciapiedi (dove ci sono) per continuare il percorso nella carreggiata. Alla fine di un confronto con il sindaco,l’amministratore delegato della multiservizi e l’assessore alla viabilità,si è concordato un appuntamento per il giorno successivo nei pressi del plesso in via S.Maria con l’assessore alla viabilità e il colonnello dei carabinieri per decidere delle misure di emergenza e tutelare maggiormente gli studenti che devono inequivocabilmente percorrere queste strade per recarsi a scuola.”

Salvio Di Lorenzo


Top