SINDACO SECONE INVITA I CITTADINI A CONVEGNO PER SPIEGARE I MOTIVI DELLE DIMISSIONI

Mercoledì 22 dicembre alle ore 18. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare all’incontro pubblico nell’Aula consiliare del Comune di Quarto-

Care concittadine/i, Sono arrivato alla fine della mia esperienza amministrativa in questa città. Sono venute meno le condizioni politiche per poter governare con serenità ed in maniera proficua  nell’interesse comune.   Pensavo di farcela, di  contribuire a determinare le condizioni per fare una città più bella. Un luogo dove non venirci solo a dormire, ma dove fosse piacevole anche viverci. Pazienza, ma vi posso garantire che ce l’ho messa tutta.  Io, insieme a tanti consiglieri comunali, a tanti assessori, a tanti collaboratori e a tantissimi cittadini che in maniera spontanea hanno dato il loro prezioso contributo abbiamo fatto fino in fondo il nostro dovere.  Gli obiettivi che ci eravamo prefissati di raggiungere per il rilancio generale della nostra città erano ormai a portata di mano.  Peccato. Ma in queste condizioni politiche non si può più andare avanti. Con i tanti problemi che affliggono i cittadini di Quarto (a partire dall’emergenza rifiuti), c’è invece chi pensa bene di paralizzare l’amministrazione comunale mettendo al centro dell’agenda politica argomenti lontani dall’interesse comune. Io a questo gioco non ci sto. E per tutti questi motivi sento la necessità di spiegare le mie ragioni ai cittadini che hanno creduto e continuano a credere in me.

Mercoledì 22 dicembre alle ore 18. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare all’incontro pubblico nell’Aula consiliare del Comune di Quarto

Sauro Secone

8 Comments

  1. Quartomondo said:

    Sempre con una prospettiva e delle mire da strapaesana! Quello che avrà da dire Secone, potrebbe interessare a tanta gente…basterebbe organizzare una sessione di streaming di base, per poter mandare in onda l’evento, raggiungendo una platea più vasta.
    Speriamo che qualcuno informi Secone che i tempi della telescrivente sono finiti.

  2. Mastinoquartese said:

    Per il sig. Sindaco

    Ma sarà una comunicazione ad una voce o ci potrà essere un contraddittorio? Potrà, il cittadino, dire la sua? Altrimenti corre l’obbligo di dar ragione al sig. Quartomondo

  3. Quartomondo said:

    Vorrei precisare che non segnalavo l’attitudine del soliloquio (che a me davvero non piace!), ma desideravo suggerire al dr. Secone di servirsi della tecnologia per arrivare a quante più persone possibile, invece di ridurre l’uditorio ai soliti volti di sfaccendati, di amici degli amici, di giornalisti silenti, di amici degli amici degli amici di Marano.
    Comunicazioni in diretta via web e, successivamente, messe in rete su YOUTUBE.

  4. sauro secone said:

    Io ritengo che la partecipazione non si attui solo attraverso televisioni o internet,
    ma anche attraverso un rapporto diretto con i cittadini (che eviterei di offendere).
    Comunque signor “Quartomondo” raccolgo il suo suggerimento e mi sforzerò di
    uscire dalla mia preistoria . Ho già dato incarico ai miei collaboratori
    di attivarsi nella direzione da lei indicata. Grazie per avermi aggiornato. Ci tengo però ad informarla, mio malgrado, da buon paesano,
    che anche la telescrivente per me rappresenta uno strumento avvenieristico perchè
    purtroppo sono ancora fermo al piccione viaggiatore ed in alternativa ai segnali di fumo
    Sauro Secone
    PS : chiunque voglia intervenire non solo ne avrà facoltà ma sarà gradito.

  5. Quartomondo said:

    La gente normale, alle 18.00 del mercoledì è al lavoro, nel traffico o a casa…non nel civico nell’aula consiliare! Lì dentro, è lei lo sa sin troppo bene, ci troverà l’umanità che ho descritto prima : sfaccendati, interessati, ruffiani, gente che deve riferire ai maranesi, qualche pensionato e poi, naturalmente, i parenti dei paesani che contano. Che bella platea!
    Circa il rapporto diretto, non mi faccia dar ragione a ‘mastinoquartese’…uno che parla e 40 che ascoltano, senza interrompere e senza chiedere, senza azzannarle le natiche (quando serve) va bene solo se sei Socrate.

  6. catonedomenico said:

    Egregio Sindaco purtroppo dobbiamo passare al lei e non al tu, anche, perchè lei non mi incanta più con i suoi discorsi e con i suoi “esileranti” manifensti in cui tutti sono i colpevoli e lei è il santo. Questa è la sua ennesima farsa di primo attore. In un primo momento avevo deciso di venere anche io a questa sua convocazione di finta “POLIS” essendo un suo elettore. La mia venuta avrebbe aperto un forte contraddittorio alle sue tesi. Purtroppo i miei legali hanno sconsigliato la mia presenza, consigliandomi di far scorrere gli eventi e di attenermi ai soli fatti. Le risponderò dopo il suo convegno, lasciando come mia abitudine inchiostro indelebile. Tanto le devo. Distinti saluti. Catone Domenico.

  7. frescobaldo said:

    Caro Sindaco io spero che stasera dirai tutta la verità, (io non ci credo molto pero,) Tu dici che volevi far piu bella la città , e pensi che facendo nuove case la città diventa più bella ? Per te viverci e non solo dormirci significa ,permettere a costruttori senza scrupoli di fare una 2 Pianura ? A me piacerebbe che stasera come 1° cosa leggessi il programma elettorale che presentasti agli elettori , perche ti votarono per le cose che tu dicevi in campagna elettorale ,certamente non per quelle che stai facendo o vuoi fare, Evvero ti trovasti come primo problema l’emergnza rifiuti , io ti chiedo dal 2007 a oggi cosa ai fatto , per risolvere il problema, tu sei un sindaco del centro sinistra non lo dimenticare mai , io ti votai perche pensavo che a differenza di altri tu eri piu sensibile ai problemi reali delle persone che non arrivano a fine mese , delle persone che vivono la vita con disagio , e tu che fai ,vendi le entrate del comune all’EQUITALIA, tu non eri quello che con socialismo 2000 facevi i ricorsi ai cittadini contro la GESTLIN , poi che fai ci lasci PIGNORARE le case , la machina e il 5 di stipendio e tu saresti il sindaco che e sensibile ai problemi delle persone disagiate come noi? forse l’unica cosa buona che ai fatto e quella di trovare il coraggio di guardarti dentro , ai aperto i cassetti del tuo essere e ai deciso di dimetterti , spero che tu lo faccia sul serio , ci credo poco , ti consiglio di ritornare a fare a tempo pieno il tuo lavoro il medico , a essere sincero almeno in quello sei bravo , visto che non sei stato capace di farci vivere in una città migliore , almeno aiutaci a vivere meglio (di salute)

  8. Mastinoquartese said:

    C’ero. Io c’ero.

    Non so quanti di voi che commentate su questo sito c’eravate. In particolare non ho visto Lo Iannicelli del project, ma ho visto il suo mentore Salatiello, c’era l’incomprensibile Apa e quasi tutti i consiglieri ed assesori (non ho visto il dottor Cangiano, ma mi hanno detto che era a letto). Ho ascoltato un discorso berlusconiano, del tipo ho fatto, ho fatto, farò e farò. Ma non voglio entrare ne merito, a meno che il Salatiello ex sindaco non spieghi perché, fuori e non dentro l’aula Impastato, ha gridato : è un bugiardo. Nell’aula tutti pavidi, nessuno dei 16 ha mosso muscolo né ha proferito sillaba. Aveva forse ragione il sindaco Secone? Ma il Sindaco ha convocato la riunione per spiegare ciò che non ha spiegato. Gli illustri ospiti hanno solo fatto apologia; quella nullità di Dinacci non ha emesso un fiato (come fa a ricoprire quella carica è incomprensibile). Il De Vivo, non si capisce perché, incensiato dal sindaco come elemento di spicco, capace, intelligente e preparato, ha fatto (come sempre) scena muta. Poi alcuni della sinistra mi hanno detto che si era sulla via di un accordo quasi fatto. Caro Sauro, l’unica cosa apprezzabile che hai detto è che sei una persona perbene ed onesta e dobbiamo crederci perché nessuno l’ha contestata. Se sto sbagliando, e lo spero, dimostramelo non ritirando le tue dimissioni.
    P.S.
    Perché Cozzolino non ha espulso i PD che hanno votato con l’inesistente opposizione?

Comments are closed.

Top