PDL, CONCORSI COMUNE DI QUARTO:AMMINISTRAZIONE SECONE CONTINUA A PORTARE AVANTI ATTI NON LEGITTIMI POICHÉ COLMI DI ERRORI “SE SI VUOL ESSERE IN BUONA FEDE”.

Attraverso un duro comunicato stampa, il coordinatore del Pdl Armando Chiaro ed il capogruppo consiliare, Eugenio Ianniccelli accusano l’amministrazione Secone di avere gestito i concorsi nella direzione opposta alla trasparenza, al confronto ed alla chiarezza.

Oramai non fa’ piu’ notizia o quasi, l’ennesima sentenza degli organi giudiziari che riscontrano anomalie nella gestione di bandi ed atti poiche’ vanno nella direzione opposta alla trasparenza, al confronto ed alla chiarezza. Questi sono principi solo sbandierati dall’amministrazione Secone che continua imperterrita a portare avanti atti non legittimi poiché colmi di errori “se si vuol essere in buona fede”. Ancora una volta il Pdl aveva previsto con netto anticipo quello che si è verificato in questi giorni, in diverse circostanze ed attraverso tutti gli organi di informazione abbiamo evidenziato le anomalie che in parte sono emerse oggi. Sia il coordinatore del Pdl,Armando Chiaro che il sottoscritto capogruppo consiliare Eugenio Ianniccelli, dopo un confronto col gruppo consiliare, avevamo avanzato dei sospetti sul buon esito del concorso, viste le modalità con le quali si stava gestendo ciò che poteva essere un’opportunità per i giovani locali e non. D’altronde  l’amministrazione Secone ci ha abituati a promesse, mai mantenute, come nel caso delle farmacie comunali, della realizzazione del distretto sanitario, della piscina comunale su terreno confiscato alla camorra, della crescita della raccolta differenziata e di tante altre promesse che poi si sono arenate per responsabilità solo ed unicamente dell’amministrazione che continua a distanza di quasi  4 anni ormai a fare inutili promesse che continuano a mortificare la cittadina di Quarto che diventa sempre più degradata e si allontana sempre più da quella che era qualche anno fa, e cioè una cittadina che si distingueva in senso positivo da tutta la provincia di Napoli. Vorrei concludere, afferma ancora il capogruppo Ianniccelli, con una riflessione sul concorso che và oltre gli aspetti della legittimità degli atti prodotti dall’amministrazione Secone: come si spiega ai tanti giovani ed alla città di quarto la partecipazione al concorso bandito dal comune, di tanti parenti di politici della maggioranza e di consulenti del sindaco e di tanti nomi noti che hanno superato la prima fase? Inoltre bisogna considerare e ricordare che tale graduatoria potrebbe essere utilizzata anche per altre assunzioni future, quindi  potrebbe essere non fondamentale essere tra i primissimi.

One Comment;

  1. Mastinoquartese said:

    Mai come questa volta sono d’accordo con chi ha scritto questa cosa a Chiaro..
    p s
    più e poichè si scrivono con l’accento e non con l’apostrofo

Comments are closed.

Top