MONITORAGGI ARPAC A QUARTO: ECCO I RISULTATI ZONA PER ZONA

arpac

arpac

«Le emissioni di onde elettromagnetiche nelle zone delle cave di via Spinelli, via Cupa Reginelle, via Pantaleo ed a ridosso della stazione Circumflegrea “Quarto Centro” sono perfettamente nella norma, nettamente al di sotto del limite di guardia indicato per legge».
E’ il risultato del controllo compiuto ieri mattina in altre zone della cittadina flegrea dai tecnici dell’Arpac, su richiesta dell’assessore all’Ambiente del Comune di Quarto, Raffaella Iovine, che ha presenziato alle verifiche. L’assessore ha contattato l’agenzia regionale per il controllo dell’ambiente per avviare uno screening sistematico in varie zone di Quarto, a cominciare dalla scuola media statale “Piero Gobetti”, dove furono segnalate dagli strumenti in dotazione all’Arpac valori pari ad 1 volte per metro. «Secondo quanto ci hanno riferito dall’Arpac, i limiti in campo nazionale sono di 6 volt per metro, ma nel caso della Gobetti, la segnalazione ha mostrato un valore di 1 volt per metro – spiega l’assessore Iovine – Come amministrazione comunale abbiamo avviato un programma di controllo del territorio per tutelare la salute dei nostri concittadini, verificando il puntuale rispetto della legge in materia di emissioni di onde elettromagnetiche. I risultati definitivi di questo campionamento hanno trovato un limite massimo in 3 volt per metro, riscontrato in via Segaetano e 2 volt per metro nei pressi della stazione della Circumflegrea di Quarto Centro. Nei prossimi provvederemo a pubblicare sul sito internet istituzionale del Comune tutti i dati definitivi». Ecco, nel dettaglio zona per zona, i valori riscontrati dalla misurazione effettuata dai tecnici Arpac: via Spinelli (1 volt per metro), via Pantaleo (1 volt per metro), via Cupa Reginelle (1 volt per metro), zona cimitero-via Dante Alighieri (1 volt per metro), cortile della scuola media Godetti (1 volt per metro), stazione “Quarto Centro” della Sepsa (2 volt per metro), via Segaetano (3 volt per metro). Come sottolineato dai tecnici Arpac, si tratta di tutti livelli altamente al di sotto del limite massimo consentito per legge, pari a 6 volt per metro.

Veronica Di Vita

Related posts

Top