DIMISSIONI SINDACO SECONE, CHIARO E IANNICCELLI:HA FATTO SOLO PROMESSE MA MAI MANTENUTE

La nostra richiesta di dimissione, non è mai stata strumentale, ma è stata richiesta sempre con grande senso di responsabilità, poiché negli anni ho visto solo fare promesse da parte del Sindaco, che si è reso protagonista di un trasformismo politico che non ha prodotto alcun risultato per la collettività.

Il sottoscritto, Eugenio Iannicceli in qualità di capogruppo del PdL, col coordinatore cittadino Armando Chiaro, ha dichiarato in diverse circostanze che il Sindaco doveva dimettersi non solo perché ha avuto una maggioranza che col passare del tempo cresceva solo nei numeri, grazie alla capacità di convinzione che il Sindaco ha avuto sui singoli, ma senza crescere da un punto di vista politico, visto che è stata la maggioranza più eterogenea e strana che, neanche la mente più perversa, avrebbe mai potuto immaginare di tenere insieme. La nostra richiesta di dimissione, non è mai stata strumentale, ma è stata richiesta sempre con grande senso di responsabilità, poiché negli anni ho visto solo fare promesse da parte del Sindaco, che si è reso protagonista di un trasformismo politico che non ha prodotto alcun risultato per la collettività. Credo che deve dimettersi perché i fatti dicono che quest’amministrazione nel suo operato e nel suo programma, non ha avuto mai come riferimento l’interesse della collettività, lo dimostrano il fallimento di tutti i progetti, tranne qualche variazione dell’aspetto urbanistico della città. Diversi erano i progetti che dovevano essere realizzati e che non sono stati portati a termine a cominciare dalla realizzazione della piscina nell’area dell’ex cementificio, dall’incremento della raccolta differenziata, dall’ordine pubblico e la pulizia nelle poche aree verdi attrezzate, dalla realizzazione del distretto sanitario, dalla istituzione delle farmacie comunali, alla chiusura definitiva del concorso per l’assunzione di  giovani da parte del Comune e di tanti altri progetti e promesse sbandierate in più riprese che non credo sia il momento di elencare Spero solo che questo non sia l’ennesimo bluff del Sindaco che alla fine ritirerà le dimissioni, perché tengo a precisare che non è grave la crisi politica che ha caratterizzato sempre quest’amministrazione, quanto la crisi della gestione dell’amministrazione che è cosa molto più grave poiché ha spinto la città di Quarto verso un degrado che nessun cittadino, di questa ormai ex cittadina modello della provincia, ricorda mai di aver vissuto.

5 Comments

  1. Quartomondo said:

    Peccato che i cittadini non ricordino di alcun momento dorato! Quarto Flegreo è sempre stata una fogna. Dal passato arrivano solo i ricordi della giunta sciolta per camorra e dei commissari, dei camorristi, del sequestro del figlio di un ex sindaco e di mille porcherie! Di cosa diamine scrivono questi due bei mobili?

  2. Eugenio Iannicelli said:

    Signor Quartomondo, ritengo che Lei oltre che ad essere sterile nei commenti, non riesce neanche a comprendere il senso di alcuni articoli.
    Ovviamente non ho descritto il passato di Quarto come “cittadina modello”, ma semplicemente come una cittadina che era meno caotica e forse più vivibile rispetto all’involuzione oggettiva che ha subito in questi ultimi anni.
    Non mi sono soffermato sugli aspetti gestionali… che comunque non differiscono assolutamente con la presente amministrazione.
    Mi sà tanto di linguaggio di sinistra estrema, che è solo colmo di disprezzo.

  3. quartaginese said:

    Ma questo iannicelli è il protetto ddi salatiello? e’l’uomo del project etc,etc. Vale meno del 2 a briscola. é una merdaccia al soldo dei quartaioli

  4. Quartomondo said:

    Carte conosciute e note, che arrivano dalla stessa brodaglia di base che ha generato la ‘classe politicara’ tano apprezzata, raggiunta negli anni da avvisi di garanzia, da indagini varie, interessata al voto di scambio. Se Quarto Flegreo è il cesso del mondo, lo si deve anche alla FINTA OPPOSIZIONE di queste persone…ma non vorrei urtare la suscettibilità di chi crede ancora che questo tizio, sto Iannicelli sia un oppositore del sindaco o un oppoositore del PD:
    Sono tutti uguali, sono tutti insieme, uniti in un un’unica equipe che ha a cuore gli interessi della cricca quartaiuola.

  5. Eugenio Iannicelli said:

    Vuoi dimostrare dove sto Iannicelli è unito col Sindaco e col sistema??
    Credo di non rispondere più alle sue affermazioni, anche perchè, come giovane di questa terra, non amo sparare a zero senza seguire una logica costruttiva, come se stessi perennemente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, nella mia vita amo operare e magari commettere anche tanti errori, amo mettermi in gioco, senza nascondermi dietro un nome fantomatico per poter infangare le persone e magari i giovani del territorio.
    Spero almeno che, dietro questi nomi fantomatici non si nascondano giovani… poichè questo mi rattristerebbe ancora di più.

Comments are closed.

Top