CONSIGLIERE LISTA: LA NOMINA DI G. DE VIVO A PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNALE PER RILANCIARE ATTIVITA’ AMMINISTRATIVA GIUNTA SECCONE

Nel confermare la mia piena fiducia al Primo cittadino, nel continuare ad amministrare questa città fino al termine del mandato, invito lo stesso a considerare la nomina di Giovanni De Vivo A Presidente del Consiglio, quale rilancio di questa maggioranza, nonchè vittoria politica della sua persona.

All’indomani della mia nomina a Consigliere Comunale, il mio obiettivo principale è stato quello di conoscere  gli atti prodotti da questa Amministrazione e i progetti da realizzare.

In questi otto mesi, in momenti non sospetti, ho sempre cercato di esprimere pubblicamente il mio pensiero critico, sempre nell’interesse della città, sui vari progetti trattati e da definire.

Secondo alcune dichiarazioni del Primo Cittadino, questo lavoro frutto di tre anni e mezzo di impegno di alcuni Consiglieri Comunali e di alcuni Assessori, potrebbe vanificarsi per la crisi politica aperta all’interno della maggioranza, a seguito della sfiducia presentata da sedici Consiglieri Comunali. Tra questi sedici firmatari è compreso anche il sottoscritto, che  ha firmato la sfiducia dopo ben otto mesi di valutazioni del comportamento del Presidente del Consiglio, sicuramente non in linea con l’Assise Comunale, ma molto probabilmente interessato soltanto con un ristretto numero di Consiglieri Comunali e Assessori alla condivisione di iniziative tese solamente all’ostruzionismo e immobilismo politico.

A conferma di quanto sostengo è l’assenza di atti significativi inseriti all’ordine del giorno e sottoposti all’attenzione del Consiglio Comunale per la discussione e relativa approvazione.

Il  comportamento del Presidente del Consiglio non è più accettabile per la mancanza di condivisione politica circa la visione complessiva dello sviluppo del Territorio e realizzazione concreta di quanto necessita alla città di Quarto. In particolar modo il totale disinteresse per i servizi nella loro complessità, che rappresentano l’essenza indispensabile a definire un territorio civilmente vivibile.

La mozione di sfiducia rappresenta, a mio avviso, un segnale di discontinuità al sistema finora praticato per quanto attiene i lavori del Consiglio Comunale, rallentati notevolmente senza produrre atti utili alla città. Quali sono i motivi?

Io penso che la candidatura alla Presidenza di un  Consigliere Comunale come Giovanni De Vivo, un giovane che può rappresentare sicuramente il cambiamento della vecchia politica, dotato di senso di responsabilità, conoscitore del territorio e delle esigenze dei cittadini, possa essere il collante tra Giunta e Consiglio Comunale, per consentire un fattivo rilancio di  questa Amministrazione soltanto ed esclusivamente sui seguenti punti qualificanti da porre in essere:

  • Distretto Sanitario: struttura indispensabile alla intera popolazione, che qualifica l’Amministrazione Comunale, il cui impegno dev’essere profuso anche per efficienza delle prestazioni e per il recupero della Direzione Sanitaria a Quarto.
  • Piano Insediamenti Produttivi: possibile recupero dell’iter burocratico definito dalla passata amministrazione e sospeso dalla magistratura amministrativa. Necessita costruire la cittadella degli artigiani, la cui realizzazione rappresenterà il fiore all’occhiello di quest’ Amministrazione e dell’intera città. Bisogna ribadire con forza che l’attualmente l’area “P.I.P. è tutta “ZONA BIANCA” con i limiti di edificabilità sentenziati dal Consiglio di Stato pochi anni fà.

  • Piscina Comunale: la sua realizzazione avrà una ricaduta dal punto di vista sociale di grande positività,  considerato che questa città ha una popolazione giovanile di notevole presenza.
  • Ciclo intergrato dei rifiuti : vista che questa Amministrazione sta per far partire l’isola ecologica per la raccolta differenziata, oggi più che mai è in dispensabile riprendere il discorso dell’attivazione dell’impianto di compostaggio intercomunale, per realizzare compiutamente il ciclo integrato dei rifiuti.
  • Progetto per la realizzazione della fognatura: E’ assolutamente necessario e prioritario completare la fognatura nelle zone già urbanizzate e densamente abitate.

I tratti fognari nelle aree da urbanizzare saranno oggetto di successivi progetti e modalità di finanziamento. Nessun’altra iniziativa politico – amministrativa può essere portata avanti in questo scorcio di consiliatura, altrimenti si corre il rischio di non portare a compimento quelle sopra elencate.


Nel confermare la mia piena fiducia al Primo cittadino, nel continuare ad amministrare questa città fino al termine del mandato, invito lo stesso a considerare la nomina di Giovanni De Vivo A Presidente del Consiglio, quale rilancio di questa maggioranza, nonchè vittoria politica della sua persona.

Quarto, 20.12.2010

Consigliere Comunale del P.D.

Salvatore Lista

e-mail lista.salvatore@fastwebnet.it

9 Comments

  1. Mastinoquartese said:

    Bravo il consigliere Lista Salvatore. Questo parente eccellente maschera l’attacco al Sindaco sfiduciando il PdC Comunale e poi lo invita a restare al suo posto a patto che nomini un certo Giovanni De Vivo, perfetto sconociuto ed improduttivo consigliere (se si eccettua la solita e ricorrente parentela eccellente). Il ruolo di PdC Comunale richiede esperienza, preparazione e, perchè no, una certa dose di carisma personale. Tutte doti non ravvisabili, per quanti sforzi si possa fare, nella persona di questo sponsorizzato giovanotto. Ma crede davvero il consigliere Lista che l’avvento di questo giovane di belle speranze, nonché taciturno ed improduttivo (se si escludono interventi scritti da altri per lui) possa dare nuova linfa vitale per l’attuazione del Distretto Sanitario, del PIP, dei rifiuti, delle fogne e per assicurare a noi, poveri cittadini, un po’ di sollievo nelle fresche acque di una stagnante piscina? Non é che tutto questo sottace ad un piano viscido richiamante vecchie logiche associative? Consigliere Lista Salvatore, ma ci faccia il piacere…

  2. quartaginese said:

    Giovanni De Vivo presidente del consiglio comunale??’ hihihihihihihihihi ‘nnaggia a marina ahahahahahahahah… presidente do’ consiglio hihihihihihihihi… nun ce posso cerdere ahahahahahahahah… presidente…. hihihihihihihi… me sente male ahahahahahahhah o conzigliere de vivo ahahahahahahahah nun c’a faccio ihihihihihihih, quacche migliardo e vote o scellarate hihihihihihihihi

  3. Quartomondo said:

    Non ho mai avuto simpatia politica per Secone, ma se penso che al suo posto possa arrivare qualcuno del PDL, incapace di parlare la lingua nazionale (e nemmeno il dialetto napoletano), e che al posto di un avvocato, al parlamentino locale possa essere presidente uno tanto poco adatto allo scopo ed al ruolo per evidenti limiti generali, mi vengono i brividi!
    Tutto marcia al peggio e tutto volge al basso…più precisamente, verso la zappa.

  4. quartaginese said:

    Quartomondo, attento la zappa e sinomino di freveca…

  5. Quartomondo said:

    Nell’accezione che intendo darle, non vi sono riferimenti alla fatica, al lavoro, all’onore ed al rispetto per la tradizione contadina. La “mazzamma” politicara di Quarto Flegreo, è orientata alla zappa nel senso arcaico ed arretrato dell’immagine.
    Se avessimo dei politici e non dei poolitcari, avremmo gente con titoli di studio elevati e competenze specifiche. Quelli che vediamo, invece, hanno solo dei parenti, contatti con la cricca locale ed una lite insanabile con l’italiano e la cultura generale.

  6. quartaginese said:

    Non sono daccordo. Sono anche dei zamperi che giocano ai quattro cantoni. oggi a dstra, domani a sinistra poi al centro e poi ancora di qua e di la. Tu la chiami mazzamma ma quella (di mare) è buona, quella di quarto puzza a mille mmiglia. notte ate

  7. ANALISTA said:

    Come avevo sentore, ed espresso in altri post, all’alba delle elezioni comunali del 2007 , ogni consigliere del centro-siistra eletto ,ma anche altri eletti nelle liste minori, si reputavano ” unti dal signore” perchè ognuno si sentiva depositario del verbo “miracolante”, e si sentivano assai individualistI nel percorrere il proprio percorso ” ammministrativo” questo anche per assenza dei vertici dei partiti e dei propri vertici.
    Questo Consigliere Lista, deve essere uno di quelli che non sono stati eletti in prima battuta e quindi subentrato in secondo momento, non sò se appartiene a qualche ” famiglia” ma non fà molta differenza, perchè a Quarto tutti appartengono a qualcuno e quindi ne devono rendere conto.
    Ma in tutto questo bailame una cosa mi sconcerta ovvero che in questa crisi manca un soggetto istituzionale ovvero il P.D.. Molti rideranno di queste mie affermazioni perchè obietteranno che il segretario è il segretario personale del Sindaco , e questo a mio parere non và bene perchè concentrare tutto il potere è sempre foriero di corto circuito, ma sono i medesimi escritti del partito che hanno legittimato tale situazione e quindi la responsabilità è collettiva.
    Ma quello che ripeto e mi meraviglio ancor di più e che un Dirigente regionale e nazionale come Dinacci , che per le Sue capacità organizzative, rimane sempre nell’ombra della scena politica locale e mai si vede e sente dentro discussioni . Perchè?
    Il largo ai giovani và bene molto bene e noi tutti elettori del centro sinistra abbiamo portato avanti la linea del ringiovanimento e questo a dato buoni frutti, ma al momento di capitalizzare e formare un gruppo omogeneo per imporre la propria identità , essi si liquefano e la palla passa ai soliti noti trafficoni che con il loro mestiere li manipolano a loro piacimento.
    Dinacci non è uno sprovveduto però è lontano ed anzichè imporre le proprie idee , che penso siano innovative rimane nell’ombra, e questo mi spaventa perchè non capisco se è indolenza o pavidità.
    Per cui sul campo rimane ll ” Giovannino di turno” che ormai è diventato grande è stato eletto PdC al difuori di un confronto serio all’interno del PD.
    Ebbene se Lista vuole tirargli la volata lo faccia pure però vorrei ricordargli che i punti salienti del “Suo” programma, sono quelli che erano sempre all’attenzione della giunta Secone e tali punti non sono mai stati sostenuti ed avallati da coloro che oggi sono paladini degli stessi.
    Quindi di cosa stiamo parlando consigliere Lista?

  8. Quartomondo said:

    Mi spiace un poco per il video, relativo a De Vivo, che avevo postato e che è stato oggetto di “moderazione”. Credo che fosse molto utile per formarsi un’idea del personaggio che quasi nessuno conosce. Sono lieto, invece, che quarto canale abbia riaperto le porte ai lettori; è un primo passo.

  9. QCWQCW said:

    Sono il Direttore, non so di quale video che è stato oggetto di moderazione. Se mi dai qualche informazione in più posso vedere di cosa si tratta e cosa è successo. Grazie per i complimenti in merito ad avere riaperto le porte ai lettori.
    Alla prossima Umberto Milazzo

Comments are closed.

Top