CONSIGLIERE CANGIANO ESPRIME SOLIDARIETA’ NEI CONFRONTI DEL DIMISSIONARIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il sottoscritto, Francesco Cangiano, consigliere comunale, intende esprimere con la presente comunicazione la sua profonda solidarietà alla persona ed al politico. Ma questo episodio, determinato dalla sfiducia espressa dai consiglieri di opposizione insieme ad alcuni consiglieri di maggioranza, dimostra inconfutabilmente lo stato di estrema confusione istituzionale in cui versa al momento l’Amministrazione di Quarto.

Informato dallo stesso avvocato Leopoldo Carandente Tartaglia, delle sue dimissioni da Presidente del Consiglio del Comune di Quarto, il sottoscritto, Francesco Cangiano, consigliere comunale, intende esprimere con la presente comunicazione la sua profonda solidarietà alla persona ed al politico. L’episodio, determinato dalla sfiducia espressa dai consiglieri di opposizione insieme ad alcuni consiglieri di maggioranza, dimostra inconfutabilmente lo stato di estrema confusione istituzionale in cui versa al momento l’Amministrazione di Quarto. Al di là dell’analisi politica che ne dovrà scaturire, il sottoscritto ribadisce la sua personale stima nei confronti del Presidente del CC, stima che va al di là delle pur esistenti differenze ideologiche e di scelte amministrative da operare per il bene della collettività tutta. Nel suo mandato di Presidente del Consiglio, è stato sempre istituzionalmente corretto nei confronti di tutti, eccedendo semmai verso un troppo marcato senso di libertà da concedere ai consiglieri stessi anche trasgredendo in alcuni momenti alle regole del CC. Troppo spesso i consiglieri comunali non hanno saputo gestire questa libertà concessa, cosa questa che, gioco forza, doveva condurlo a commettere errori nella sua gestione, causando in qualche occasione una difficile gestione della vita dello stesso Consiglio comunale. Impressione personale è che i firmatari la mozione di sfiducia abbiano voluto con questo atto non colpire direttamente il Presidente del Consiglio ma una intera maggioranza ed il Sindaco che la guida: e se  questo è prerogativa dei consiglieri di opposizione, diventa inconcepibile quando a farlo sono consiglieri che si dichiarano, tuttora, parte della maggioranza. Pertanto il sottoscritto fin d’ora si dichiara pronto a rivotare, giunto il momento, lo stesso Carandente Tartaglia Leopoldo affinchè ricopra ancora una volta il ruolo di Presidente del Consiglio comunale di Quarto, sempre che lo stesso abbia ancora questa aspirazione e voglia di farlo.

One Comment;

  1. Mastinoquartese said:

    Sarebb epul l’ora che certi personaggi la finiscono collo stare al comune, non ce più niente da mangiare

Comments are closed.

Top