CONS- LISTA: GIUNTA COMUNALE RITIENE INCAPACI I CONSIGLIERI DI INDICARE LINEE PROGRAMMATICHE PER BILANCIO 2011

“La giunta comunale si sostituisce nei fatti  al ruolo dei consiglieri comunali con palese esproprio del ruolo affidato loro in quanto rappresentanti dei cittadini. Continuando così, il sottoscritto probabilmente non voterà  il bilancio di previsione anno 2011  invitando  tutti i Consiglieri Comunali che si sentono defraudati del proprio ruolo a valutare un’ analoga  posizione determinata e decisa”. Un buon padre di famiglia, quando le risorse finanziarie scarseggiano, cerca di amministrare le stesse  con grande oculatezza e lungimiranza per far quadrare il bilancio della propria famiglia, evitando le sofferenze ai propri componenti, programmando acquisti utili ed indispensabili, evitando il superfluo o beni voluttuari. Detto questo, l’amministratore pubblico ha il diritto – dovere di utilizzare le risorse finanziarie disponibili solo ed esclusivamente  per il fabbisogno reale  dei cittadini, razionalizzando la spesa, individuando le priorità e programmando le stesse nei termini e nei modi previsti dalla legge. Nell’ultima seduta di Consiglio Comunale tenutasi in data 03.11.2010, ben 47 debiti fuori bilanci  sono stati posti all’ordine giorno del Consiglio Comunale, per l’approvazione e successive procedure di pagamento, di  circa 800 mila euro, la cui copertura finanziaria non è stata mai prevista. Questo perché i bilanci di previsione non sono stati approvati per tempo, con aggravio di spesa di circa 20%, dovuto alla eliminazione ad horas del pericolo per la incolumità pubblica. Detta urgenza il più delle volte costringe il funzionario ad incaricare le ditte senza poter valutare preventivamente la congruità dei prezzi, la possibilità di applicare un ribasso, per non parlare dell’aggravio di spese giudiziarie per pagamenti rivendicati dalle Ditte a mezzo Decreti ingiuntivi. L’Assessore ai Lavori Pubblici, nel suo intervento, si è impegnato a ridurre notevolmente il ricorso all’affidamento d’urgenza senza coperture finanziaria semprechè, questa Maggioranza approvi tempestivamente il bilancio di previsione 2011. Il sottoscritto, in Consiglio Comunale, nel prendere la parola, dichiarava di condividere quanto affermato dall’Assessore, proponendo all’ Esecutivo di trasmettere, entro 10 giorni, tutte le proposte di previsione di spese anno 2011 ai Consiglieri Comunali per valutare in tempo le proposte  del bilancio di previsione anno 2011 d’approvare entro il 31.12.2010.  Con le giuste coperture finanziarie dei vari capitoli di spese, comprese le manutenzioni e le somme urgenze, si dà la  possibilità agli uffici competenti di procedere alle relative gare d’appalto con giusta copertura finanziaria, evitando spreco di danaro pubblico. Il tutto per un  proficuo confronto con gli Assessori competenti, per gestire in modo oculato e razionale le modeste risorse che, notoriamente, i vari organismi statali e regionali  mettono a disposizione dei comuni. A tutt’oggi nulla è successo; probabilmente questo Esecutivo ritiene che i Consiglieri Comunali  non siano capaci di indicare le linee programmatiche del  bilancio o ritiene surrogarli  completamente per una visione univoca della programmazione 2011. Detta surroga si sta verificando  nei fatti, con palese esproprio del ruolo dei Consiglieri Comunali, rappresentanti dei cittadini. Continuando così, il sottoscritto probabilmente non voterà  il bilancio di previsione anno 2011  invitando  tutti i Consiglieri Comunali che si sentono defraudati del proprio ruolo a valutare un’ analoga  posizione determinata e decisa. Gradirei, se lo ritengono opportuno, conoscere il parere dei cittadini.

Salvatore Lista

Top